Troppa grazia

Troppa grazia
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2018
Durata110
Generecommedia
RegiaGianni Zanasi
SceneggiaturaGianni Zanasi, Giacomo Ciarrapico, Michele Pellegrini, Federica Pontremoli
Casa di produzioneIBC Movie, Pupkin Production
Distribuzione in italianoBIM Distribuzione
FotografiaVladan Radovic
MontaggioRita Rognoni, Gianni Zanasi
MusicheNiccolò Contessa
Interpreti e personaggi

Troppa grazia è un film italiano del 2018 diretto da Gianni Zanasi.

Trama

Lucia è una geometra che cerca di sbarcare il lunario grazie a mappature e indagini catastali, alle prese con la fine della sua relazione con Arturo e con l’adolescenza della figlia Rosa. Paolo, imprenditore della zona legato all'amministrazione comunale, le affida la realizzazione della mappatura del territorio su cui dovrà sorgere “l’Onda”, maestosa opera edilizia destinata però a snaturare il panorama collinare in cui Lucia è cresciuta.

Presa dai rimorsi di coscienza per le procedure irregolari legate all'acquisizione dei terreni, Lucia incontra una donna che lei identifica nella Madonna e che le ordina di bloccare i lavori di costruzione per l’Onda e di edificare una chiesa in quei luoghi. Credendo di essere impazzita, Lucia si rifiuta di dare ascolto alla sua visione, che però con il passare del tempo diventa sempre più fisica e pressante. L’incontro mistico sconvolge ancor di più la vita di Lucia, e alla fine la porta a intraprendere un viaggio interiore alla scoperta di una verità che era sempre stata “nascosta in piena vista”.

Produzione

Il film è stato girato a Viterbo, Tarquinia, Acquapendente e nelle campagne circostanti. La colonna sonora è a cura di Niccolò Contessa, cantante de I Cani, che ha anche composto la canzone che accompagna i titoli di coda, Nascosta in piena vista.

Distribuzione

Il film è uscito in Italia il 22 novembre 2018.[1] Il film ha esordito al Festival di Cannes il 17 maggio 2018[2] vincendo il Premio Label Europa Cinema.[3]

Critica

Il film è una commedia surreale che rappresenta una Vergine Maria diretta e concreta, a tratti insolitamente umana e buffa[4], che non piange sangue, ma si mostra una donna forte e autoritaria, severa e stanca di rivolgere continuamente esortazioni ad un'umanità incerta, sorda e distratta.[5] Il tema religioso è presentato senza pregiudizi, banalità o offese nei confronti di qualche confessione cristiana e non.[6]

Anche se l'ordinaria preferenza di Zanasi per uno spazio aperto ed esteso qui si inverte per una verticalità dell'ambiente scenografico ed una corporeità astratta di Lucia, la pellicola non può considerarsi un film spirituale, per via del contrasto fra le sue aspirazioni interiori e un vissuto di solitudine e precarietà economica.[7]
Come nei precedenti Non pensarci (2007) e La felicità è un sistema complesso (2015), in Troppa grazia (2018), il regista ritrae un protagonista non omologato e in crisi, che con diffidenza dialoga col mondo circostante. La sceneggiatura del film è stata scritta da quattro autori differenti, mentre il montaggio si distingue per i primi piani e per una brillante fotografia.[8]

Zanasi mette in scena una protagonista laica (o non credente) che, davanti al fatto soprannaturale, è indotta a riflettere sulla religione e l'ambiente. La morale del film è l'invito alla conservazione del paesaggio italiano, del lavoro e della millenaria cultura locale, unici e irripetibili, in rapporto ai piani speculativi della modernità urbana.[9]

Note

  1. ^ Troppa grazia - Film (2018), su ComingSoon.it. URL consultato il 2 novembre 2018.
  2. ^ «Troppa grazia» a Cannes, battute fulminanti e commedia surreale, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 2 novembre 2018.
  3. ^ (EN) Cannes: 'Troppa Grazia' Wins European Cinemas' Best European Film Award, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 2 novembre 2018.
  4. ^ Recensione di Emanuele Rauco, su cinematografo.it. URL consultato il 10 agosto 2019 (archiviato il 10 agosto 2019).
  5. ^ Recensione di Virginia Campione, su cinematographe.it, 19 maggio 2018. URL consultato il 10 agosto 2019 (archiviato il 10 agosto 2019).
  6. ^ Valeria Ponte, Troppa Grazia: la surreale commedia con Alba Rohrwacher premiata a Cannes [recensione], su anonimacinefili.it/, 21 novembre 2018. URL consultato il 10 agosto 2019 (archiviato il 10 agosto 2019).
  7. ^ Recensione di Simone Emiliani, su sentieriselvaggi.it, 21 novembre 2018. URL consultato il 10 agosto 2019 (archiviato il 10 agosto 2019).
  8. ^ Recensione di Filippo Zoratti (voto 6), su spietati.it, 20 dicembre 2018. URL consultato il 10 agosto 2019 (archiviato il 10 agosto 2019).
  9. ^ Recensione di Maria Capozzi, su nocturno.it. URL consultato il 10 agosto 2019 (archiviato il 10 agosto 2019).

Collegamenti esterni

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema

Informazione

L'articolo Troppa grazia in Wikipedia italiana ha preso i seguenti posti nella classifica di popolarità locale:

Il contenuto presentato dell'articolo di Wikipedia è stato estratto 2020-12-20 sulla base di https://it.wikipedia.org/?curid=7680559