Paola Egonu

Paola Egonu
Paola Egonu.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 193 cm
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Opposto
Squadra Imoco
Carriera
Squadre di club
2013-2017Club Italia
2017-2019AGIL
2019-Imoco
Nazionale
2015Italia Italia U-18
2014-2016Italia Italia U-19
2015Italia Italia U-20
2015-Italia Italia
Palmarès
Transparent.png Campionato mondiale
Argento Giappone 2018
Transparent.png Campionato europeo
Bronzo Turchia, Polonia, Slovacchia e Ungheria 2019
Oro Serbia, Croazia, Romania e Bulgaria 2021
Transparent.png World Grand Prix
Argento Nanchino 2017
Statistiche aggiornate al 4 settembre 2021

Paola Ogechi Egonu (Cittadella, 18 dicembre 1998) è una pallavolista italiana, opposto dell'Imoco.

Biografia

È nata a Cittadella da genitori di nazionalità nigeriana[1]. Il padre Ambrose, prima di emigrare in Italia, faceva il camionista a Lagos, mentre la madre Eunice era infermiera a Benin City[2]; ha due fratelli, Angela ed Andrea[3]. Anche la cugina Terry Enweonwu è pallavolista[4].

Nel novembre 2018, in un'intervista al quotidiano Corriere della Sera, ha fatto coming out, rivelando di essere fidanzata con una ragazza, che l'ha consolata a seguito della sconfitta al campionato mondiale 2018[5][6]: la ragazza in questione si rivelerà poi essere la pallavolista Katarzyna Skorupa[7].

Nel 2020 ha doppiato la voce del personaggio Sognaluna, nel film d'animazione Soul, prodotto da Disney e Pixar[8].

Carriera

Club

Ha incominciato a muovere i primi passi nella realtà pallavolistica locale di Cittadella[9]. Nella stagione 2013-14 entra a far parte della squadra federale del Club Italia, in Serie B1: con lo stesso club, a cui resta legata per un totale di quattro annate, gioca, nella stagione 2014-15, in Serie A2 e, in quella 2015-16, in Serie A1; durante la terza giornata del campionato 2016-17 realizza, contro il San Casciano, un totale di 46 punti, miglior risultato di sempre in Serie A1[10].

Nella stagione 2017-18 viene ingaggiata dall'AGIL di Novara, sempre in Serie A1, aggiudicandosi la Supercoppa italiana 2017, due Coppe Italia, venendo premiata nell'edizione 2017-18 come MVP, e la Champions League 2018-19, terminata anch'essa con il riconoscimento individuale quale migliore giocatrice.

Nell'annata 2019-20 si accasa all'Imoco di Conegliano, sempre in Serie A1, conquistando due Supercoppe italiane, il campionato mondiale per club 2019, vincendo in entrambi i casi il premo di MVP, due Coppe Italia, premiata come MVP nell'edizione 2020-21, lo scudetto 2020-21 e la Champions League 2020-21, anche in queste due ultime competizioni premiata come MVP: nel corso di gara 1 dei play-off scudetto della stagione 2020-21 realizza 47 punti, migliorando il record, che già le apparteneva, di punti realizzati da una giocatrice in una singola partita di Serie A1[11].

Nazionale

Nel 2015 ha fatto parte della nazionale Under-18, con cui ha vinto la medaglia d'oro al campionato mondiale 2015, ottenendo anche il premio come MVP. Tra il 2014 e il 2016 è stata convocata nella nazionale Under-19 e Under-20, vincendo, con quest'ultima, il bronzo al campionato mondiale 2015.

Nel 2015 ha ottenuto le prime convocazioni nella nazionale maggiore italiana, con cui, nel 2017, ha vinto la medaglia d'argento al World Grand Prix, mentre, nel 2018, ha conquistato la medaglia d'argento al campionato mondiale, competizione in cui viene eletta miglior opposto. Un anno dopo, al campionato europeo 2019, ottiene la medaglia di bronzo. Nel 2021 viene scelta come portabandiera della bandiera olimpica per la cerimonia di apertura dei Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo[12], manifestazione durante la quale esce ai quarti di finale; nello stesso anno ottiene la medaglia d'oro al campionato europeo, risultando essere anche la miglior giocatrice.

Palmarès

Club

2020-21
2017-18, 2018-19, 2019-20, 2020-21
2017, 2019, 2020
2019
2018-19, 2020-21

Nazionale (competizioni minori)

Premi individuali

Note

  1. ^ Eleonora Cozzari, Paola, Sara e Valentina: è colorata la nuova Italia del volley femminile, in Corriere della Sera. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  2. ^ Nicola Bambini, Paola Egonu, martello azzurro: tra record, razzismo e un nonno severo, in VanityFair.it, 18 ottobre 2018. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  3. ^ Sara Canali, Paola Egonu: «Schiaccio anche il razzismo. Il futuro? Da avvocato», in VanityFair.it, 20 giugno 2017. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  4. ^ Stefano Villa, Volley femminile, Europei U18 – L'Italia piange in Finale, la maledizione continua: la Russia trionfa al tie-break, argento per Enweonwu e compagne, su oasport.it. URL consultato il 20 aprile 2017.
  5. ^ Candida Morvillo, Paola Egonu: «Le mie lacrime in Giappone e la lezione della mia fidanzata», su corriere.it, Corriere della Sera, 3 novembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.
  6. ^ Gian Luca Pasini, Volley, Egonu: "Ho una fidanzata", in La Gazzetta dello Sport, 5 novembre 2018. URL consultato il 9 novembre 2018.
  7. ^ Egonu, il bacio alla fidanzata Skorupa sulla Gazzetta dello Sport, su corriere.it, 11 novembre 2018. URL consultato l'11 novembre 2018.
  8. ^ Volley, Paola Egonu protagonista nel nuovo film della Disney: sarà la voce di Sognaluna in Soul, su oasport.it. URL consultato il 13 dicembre 2020.
  9. ^ Stefano Pasta, Paola Egonu, l'afro-azzurrina, su La città nuova, Corriere della Sera. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  10. ^ Club Italia: Egonu da record! 46 punti in una partita, su volleyball.it. URL consultato il 2 novembre 2016.
  11. ^ Cosimo Cito, Volley, Paola Egonu oltre i record: 47 graffi per lo scudetto, su repubblica.it, la Repubblica, 18 aprile 2021. URL consultato il 6 maggio 2021.
  12. ^ Paola Egonu portabandiera olimpica nella cerimonia di apertura dei Giochi, su coni.it, 20 luglio 2021. URL consultato il 20 luglio 2021.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Informazione

L'articolo Paola Egonu in Wikipedia italiana ha preso i seguenti posti nella classifica di popolarità locale:

Il contenuto presentato dell'articolo di Wikipedia è stato estratto 2021-09-17 sulla base di https://it.wikipedia.org/?curid=5760766