Ornella Vanoni

Ornella Vanoni
Ornella Vanoni 1968.jpg
Ornella Vanoni nel 1968
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Musica leggera
Musica d'autore
Jazz
Periodo di attività musicale1956 – in attività
EtichettaDischi Ricordi, Ariston Records, Vanilla, CGD, BMG, Sony Music
Album pubblicati61
Studio47
Live6
Raccolte9
Sito ufficiale

Ornella Vanoni (Milano, 22 settembre 1934) è una cantautrice e attrice italiana.

È una delle artiste italiane dalla carriera più longeva: in attività dal 1956, con la pubblicazione di circa 112 lavori (tra album, EP e raccolte) è considerata tra le maggiori interpreti della musica leggera italiana.

Dotata di uno stile interpretativo unico e sofisticato, nonché di una timbrica vocale fortemente riconoscibile, che ne caratterizzano la forte personalità artistica, Ornella Vanoni vanta un ampio e poliedrico repertorio, che spazia dalle Canzoni della mala degli esordi alla bossa nova (storica la realizzazione insieme a Toquinho e Vinícius de Moraes dell'album La voglia la pazzia l'incoscienza l'allegria nel 1976) e al jazz,[1] con particolare attenzione alla canzone d'autore italiana.

Definita come "La signora della musica italiana", durante la sua carriera sessantennale ha ispirato molti tra i più importanti autori non solo italiani e collaborato con molteplici artisti, cominciando da Gino Paoli, per passare ai New Trolls, fino ai più importanti jazzisti americani tra i quali George Benson, Michael Brecker, Randy Brecker, Ron Carter, Eliane Elias, Herbie Hancock e Herbie Mann, senza dimenticare i già citati Toquinho e Vinícius de Moraes. Hanno scritto per lei Paolo Conte, Fabrizio de Andrè, Ivano Fossati, Lucio Dalla, Sergio Bardotti, Grazia Di Michele, Renato Zero e Riccardo Cocciante.

Nell'arco della sua lunga carriera, ha partecipato a otto edizioni del Festival di Sanremo, raggiungendo il 2º posto nel 1968 (con Casa bianca) e piazzandosi per ben tre volte al 4º posto, nel 1967 (con La musica è finita), nel 1970 (con Eternità) e nel 1999 (con Alberi): in quest'ultima edizione, Ornella Vanoni è stata la prima artista nella storia del Festival a ricevere il Premio alla carriera. È anche l'unica donna e il primo artista in assoluto ad aver vinto due Premi Tenco (solo Francesco Guccini dopo di lei è stato premiato due volte), e l'unica cantante italiana ad aver ottenuto questo riconoscimento come cantautrice. Ha inoltre vinto una Targa Tenco, che porta complessivamente a tre il numero di riconoscimenti a lei assegnati dal Club Tenco.

Biografia

«Solo se la tua musica parte dal cuore, la voce vola oltre il corpo e diventa un destino infinito.»

(Ornella Vanoni[senza fonte])

Gli esordi

Figlia di un industriale farmaceutico, dopo avere studiato dalle Orsoline, frequenta diversi collegi in Svizzera, Francia e Inghilterra col desiderio di diventare estetista.

Tornata a Milano si iscrive nel 1953 all'Accademia di arte drammatica del Piccolo Teatro di Giorgio Strehler; in breve ne diviene l'allieva prediletta, nonché la compagna.

«Sono stata una ragazza inventata. Inventata dagli altri. Di mio avrei voluto fare l'estetista, niente di più. Avevo l'acne e avrei voluto curare la pelle, la mia e quella degli altri. Ero andata a studiare Lingue in Inghilterra, in Svizzera, in Francia e quando tornai a Milano non sapevo che cosa fare. Fu un'amica di mia madre a lanciare l'idea: "Hai una bella voce, perché non fai l'attrice?". Mi iscrissi alla scuola di recitazione del Piccolo. Il giorno degli esami d'ammissione ero terrorizzata, tanto da sentirmi male. Con la V di Vanoni venni chiamata per ultima, sapevo che nella commissione c'erano grossi nomi, Strehler, Paolo Grassi, Sarah Ferrati. Quando mi hanno chiamata, avevo il cuore a mille. Recitai un pezzo dell'Elettra, ero follemente emozionata, chiedevo scusa a tutti, mi interrompevo [...] A un certo punto ho sentito una voce femminile: "Attenzione, qui c'è qualcosa". Era della Ferrati. Mi presero. Dopo un anno divenni la compagna di Strehler, era il '55. E fu scandalo. Avevo vent'anni, lui era sposato, non c'era il divorzio e, per di più, viveva da solo, era di sinistra ed era un artista. Mia madre si lamentava, piangeva: "Così ti rovini, ti devi sposare."»

(Ornella Vanoni[2])

Nel 1956 debutta come attrice in Sei personaggi in cerca d'autore di Pirandello.

Il suo debutto canoro risale invece al 13 aprile 1957, data della prima rappresentazione al Piccolo de I Giacobini di Federico Zardi, opera in cui interviene durante i cambi di scena cantando un paio di ballate della Rivoluzione francese (Les rois s'en voint e La Seine est rouge), interpretate con piglio insolito e spigoloso.

Nasce, dunque, l'idea di una cantante "intellettuale", impegnata, sofisticata, che suscita sin da subito un certo interesse, tanto che l'anno seguente, Giorgio Strehler decide di cucirle addosso un vero e proprio repertorio.

Le canzoni della mala

«Al Piccolo leggevo e imparavo tutto. Spiavo mostri come Tino Buazzelli e Sarah Ferrati. Respiravo le loro voci, rubavo i gesti. E Strehler? Mi mette a cantare ballate nell'intervallo dei Giacobini, sai quando gli spettatori tossiscono? Be': alla faccia sua, è un trionfo. Allora l'amico Gino Negri dice che sarei adatta alle canzonette da cortile. “Ma no, facciamo le canzoni della mala” disse il maestro, magnanimo. Così si sono messi lì Dario Fo e Fiorenzo Carpi e sono nate Ma mi... e Le mantellate[scritte in realtà da Strehler e Carpi][2]»

Insieme ad autori come Fausto Amodei, Fiorenzo Carpi, Dario Fo e Gino Negri, Strehler trae infatti spunto da alcune antiche ballate dialettali narranti vicende di cronaca nera, per procedere alla stesura di nuovi testi incentrati sul tema della malavita, aventi per protagonisti poliziotti, malfattori, carcerati, minatori, e inventando pertanto la definizione di canzoni della mala. Per alimentare la curiosità del pubblico, viene lasciato credere che si tratti di autentici canti popolari ricavati da vecchi manoscritti, e viene dunque allestita per lei la sua prima tournée teatrale, terminata con uno spettacolo a Spoleto, al Festival dei Due Mondi nel '59.

Dell'ottobre 1958 è la sua prima incisione discografica per la storica etichetta Ricordi, che grazie all'editore Mariano Rapetti apre proprio con lei la propria sezione di musica leggera pubblicando un primo extended play intitolato Le canzoni della malavita. Il disco comprende sulla facciata principale le sue versioni di Saint Lazare di Aristide Bruant, e di Jenny delle Spelonche, tratta da L'opera da tre soldi di Bertold Brecht; sul retro compaiono invece gli inediti Sentii come la vosa la sirena e Canto di carcerati calabresi, stampati anche su 45 giri singolo, il primo della sua discografia.

Nel dicembre 1959 esce un secondo EP intitolato Le canzoni della malavita vol. 2, contenente le assai più celebri Hanno ammazzato il Mario, La zolfara, Ma mi e Le mantellate, uscite contemporaneamente anche su singolo.

Le interpretazioni particolarmente enfatiche della Vanoni, caratterizzate da una timbrica vocale e da una gestualità alquanto inconsuete ma sensuali, incuriosiscono parecchio il pubblico, che inizialmente sembra in parte confondere le ambientazioni dei brani proposti con le vere origini della cantante.

Nel complesso, le canzoni della mala ottengono un buon successo, malgrado qualche critica di snobismo alto-borghese e l'intervento della censura radiotelevisiva che non apprezza i contenuti di alcuni testi. Per Ornella Vanoni, però, quello della mala inizia ad essere un cliché nel quale non intende essere rinchiusa.

«Le canzoni della mala all'epoca le amavo, ma non abbastanza coscientemente, come gli amori di quando sei troppo ragazza[2]».

Terminato il rapporto con Strehler (del quale in seguito dichiarerà di non avere apprezzato lo stile di vita, ritenendolo inadeguato ad una ragazza poco più che ventenne), si allontana anche dall'ambiente del Piccolo Teatro, alla ricerca di un nuovo percorso artistico.

«Strehler è stato compagno, amico, padre, maestro. Forse troppe cose assieme, e cose che avvenivano troppo velocemente. Un rapporto così ti leva la leggerezza. Mi sentivo bambina in un cappotto troppo grande. E poi forse Giorgio mi amava più di quanto io amassi lui[2]».

Anni sessanta: Paoli, Tenco e le canzoni d'amore

Gino Paoli e Ornella Vanoni nel 1963

Nel 1960, alla Ricordi Ornella incontra Gino Paoli, col quale intraprende un'intensa storia d'amore, nonché una florida collaborazione artistica che le permette di cimentarsi con un repertorio a lei più congeniale. Paoli le scrive infatti una prima canzone d'amore dal titolo Me in tutto il mondo e successivamente le dedica, colpito dalle sue grandi mani, un vero e proprio ritratto musicale: la celeberrima Senza fine.

Ma il 6 giugno del '60 sposa il noto impresario teatrale nonché ex cantante Lucio Ardenzi:

«Quel matrimonio fu un errore. Io volevo ancora bene a Gino e lui mi ha sconsigliato sino all'ultimo, minacciando persino di venire alla cerimonia a cantare Senza fine. (...) Il matrimonio non sta in piedi e quando nel 1962 nasce Cristiano, io e Ardenzi siamo già separati[3]», «ero ancora innamorata di Paoli. Il giorno delle nozze non mi sarei dovuta presentare, avrei dovuto dire la verità, sarebbe stato più leale[2]».

Nel 1961 partecipa a Canzonissima con Cercami: questa canzone, inizialmente destinata a Claudio Villa e che Ornella incide in lacrime dedicandola a Paoli, è il suo primo 45 giri di grande successo commerciale, con oltre 100.000 copie vendute. Nello stesso anno, la Ricordi pubblica anche il suo primo album, che riunisce sei canzoni della mala sulla prima facciata, e sei canzoni d'amore sulla seconda. Nel frattempo, prosegue la carriera teatrale ne L'idiota di Marcel Achard, impegno per il quale l'Istituto del Dramma Italiano la premia come rivelazione del teatro e che le vale anche il prestigioso Premio San Genesio come miglior attrice dell'anno. Il successo continua con "La fidanzata del bersagliere" di Edoardo Anton, che le frutterà il suo secondo Premio San Genesio come miglior attrice del 1963. Gli spettacoli sono entrambi prodotti dal marito, Lucio Ardenzi:

«andavo in scena a soli venti giorni dalla nascita di nostro figlio, Cristiano, e per di più senza compenso. Allora lui era in difficoltà finanziarie e io avrei fatto qualsiasi cosa per aiutarlo [4]».

«Ardenzi era un grande impresario, fin troppo compreso nel suo ruolo. S'inventò attori importanti, produsse grandi spettacoli, si batté da privato come un leone contro lo strapotere del teatro pubblico. Era la sua vanità, che diventava arroganza. Un giorno mi confidò che a lui, più che la coppia Lucio-Ornella, lo eccitava la ditta Ardenzi-Vanoni. Quando mi volle come protagonista de L'idiota di Achard e io fui una rivelazione, lui era al settimo cielo. Capii che, in fondo, era un problema tra lui e Strehler. Una roba tra uomini. Lucio, in realtà, come protagonista pensava a Monica Vitti o a Lea Massari, ma voleva dimostrare che lui aveva visto più in là di Strehler, che poteva fare di me una grande donna. [...] Non parlo volentieri di Lucio Ardenzi. L'ho sposato che avevo ventisei anni, l'età giusta, ma non l'uomo giusto. Non l'ho mai amato. Ero una donna sperduta. Avevo lasciato Strehler, mi ero ammalata di tisi, c'era Paoli di mezzo e lui, Lucio, era un uomo così vanitoso. Una vanità sproporzionata. Abbiamo avuto un figlio che amo, Cristiano, e questo giustifica ampiamente la nostra storia».[5]

Nel 1963 sostituisce Lea Massari nel ruolo di Rosetta in Rugantino, celebre commedia musicale di Garinei & Giovannini che nel febbraio 1964 porterà la Vanoni sulle scene di Broadway.

Avvalendosi degli arrangiamenti e della direzione musicale di Iller Pattacini, continua ad incidere brani di Gino Paoli (Anche se, Che cosa c'è), di Luigi Tenco (Tu non hai capito niente), vincendo il Festival di Napoli 1964 interpretando in coppia con Modugno la celebre Tu sì 'na cosa grande, classificandosi anche al secondo posto con l'esecuzione solista di Ammore mio.

Nel frattempo Senza fine diviene un successo internazionale, diventando parte della colonna sonora del film Il volo della fenice di Robert Aldrich.

Seguono una serie di partecipazioni al Festival di Sanremo: nel 1965 con Abbracciami forte[6], nel 1966 con Io ti darò di più (che diviene il suo più notevole successo commerciale degli anni sessanta, nonostante lei non ami affatto il brano), nel 1967 con La musica è finita di Nisa, Franco Califano e Umberto Bindi, nel 1968 con Casa bianca scritta da Don Backy, secondo posto in coppia con Marisa Sannia.

Ornella Vanoni al Festival di Napoli 1964

Conduce poi cinque puntate del varietà televisivo Studio Uno e lavora come attrice in alcuni film. Ornella cambia immagine e gestualità diventando ancor più sensuale ed elegante. Anche la sua voce abbandona il registro aggressivo e diventa più suadente, in particolar modo sulle note basse.

Nel frattempo cambia anche etichetta discografica e passa dalla Ricordi alla Ariston, pubblicando altri 45 giri di successo come Tristezza (1967, primo brano del repertorio brasiliano, che lei ha sempre amato riproporre), la sua versione di Un'ora sola ti vorrei (sempre del '67) e Una ragione di più, prima sua prova di cantautrice datata 1969.

In questo periodo Ornella incide anche due album intitolati Ai miei amici cantautori e Io sì - Ai miei amici cantautori n.2, interpretando brani di quei cantautori che avevano maggiormente influenzato il suo percorso musicale.

Anni settanta: il successo, il Brasile, i New Trolls, il lato sexy e il fortunato incontro con Bardotti

Nel 1970 Ornella partecipa ancora una volta al Festival di Sanremo con il brano Eternità che si classifica quarto, ma col singolo successivo, L'appuntamento di Roberto Carlos, Erasmo Carlos e Bruno Lauzi, ottiene il suo maggiore successo commerciale, rimanendo in classifica per molti mesi e vendendo 600.000 copie. Il brano viene inserito nella colonna sonora del film Tony Arzenta diretto da Duccio Tessari.

Ornella Vanoni negli anni '70

Nel 1971 la Vanoni prosegue con il suo spettacolo teatrale, iniziato a fine anni sessanta, pubblicando il suo primo album dal vivo (Ah! L'amore l'amore, quante cose fa fare l'amore!), registrato proprio in occasione di un recital tenuto al Teatro Lirico di Milano. Nello stesso anno i concerti della Vanoni si spingono fino all'Olympia di Parigi, il tempio della musica francese dove la sua esibizione si conclude tra le ovazioni del pubblico nonostante all'inizio fosse stata contestata la sua versione di Albergo a ore, tratta dal repertorio della Piaf.

Sempre nel '71, esce un altro dei suoi cavalli di battaglia: Domani è un altro giorno, versione italiana di un brano di Tammy Wynette The Wonders You Perform. Il brano viene presentato a Canzonissima 1971 e viene inserito nella colonna sonora del film La prima notte di quiete di Valerio Zurlini. Per la finale della stessa edizione di Canzonissima, Ornella Vanoni interpreta Il tempo d'impazzire, scritta da Giorgio Calabrese e Andracco. È inoltre conduttrice del programma E tu che fai? Io questa sera vado a casa di Ornella, a cui partecipa come ospite anche Lucio Battisti; qualche settimana dopo registra la prima trasmissione a colori nella storia della televisione italiana, dal titolo Serata d'onore.

Nel 1972 è in classifica con tre LP (Un gioco senza età e le antologie Vanoni Hits e L'amore), pubblicando addirittura ben cinque singoli: Che barba amore mio (successo presentato a Un disco per l'estate e a Senza rete); Parla più piano, adattamento italiano dalla colonna sonora del film Il padrino; Quei giorni insieme a te, ottimo brano composto da Riz Ortolani per la colonna sonora del thriller Non si sevizia un paperino di Lucio Fulci; Io, una donna (col più fortunato lato B E così per non morire), presentato in concorso all'autunnale Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia. Infine, Ma come ho fatto, viene utilizzato l'anno dopo come sigla finale del tv-show in quattro puntate intitolato L'appuntamento (regia di Antonello Falqui), in cui la Vanoni offre un nuovo saggio della propria versatilità artistica, dividendo coraggiosamente la scena con Walter Chiari, da poco uscito di prigione dopo una discussa vicenda di droga: il programma registra un ottimo indice di gradimento, replicando il successo già ottenuto alcuni mesi prima dal duo nello spettacolo teatrale Io con te, tu con me, insieme anche a Carlo Campanini.

Nel 1973 esce il singolo Dettagli: come L'appuntamento, è una cover brasiliana di Roberto Carlos, tradotta ancora una volta dallo stesso Bruno Lauzi. L'omonimo album Dettagli riscuote un enorme successo commerciale (circa mezzo milione di copie vendute). Nell'autunno dello stesso anno, incide un nuovo LP - l'ultimo per la Ariston - dal titolo Ornella Vanoni e altre storie, per lo più composto da cover straniere adattate in italiano: l'album si apre con un'ottima reinterpretazione della celebre Je suis malade di Serge Lama (adattata in italiano da Giorgio Calabrese col titolo Sto male), che la Vanoni presenta alla Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia.

Nello stesso anno viene scelta come testimonial pubblicitaria per la Martini, azienda per la quale girerà numerosi caroselli fino al 1976, interpretandone anche il celebre jingle.

Nel 1974 Ornella Vanoni lascia la Ariston e fonda - con l'aiuto di Danilo Sabatini (suo compagno dell'epoca) - una propria casa discografica: la Vanilla. Il primo album edito dalla nuova etichetta, distribuita dalla Fonit-Cetra, si intitola A un certo punto e raggiunge nuovamente i vertici della classifica totalizzando ancora una volta circa mezzo milione di copie vendute. Sul finire del '74 è già pronto un nuovo LP: La voglia di sognare (1974), che prende titolo dall'omonimo, bellissimo brano scritto da Carla Vistarini e Luigi Lopez, premiato l'anno successivo anche dalla critica discografica e divenuto sigla del Gran Varietà radiofonico della Rai..

Nel 1975 esce Uomo mio bambino mio, album da cui è tratta anche l'irriverente Non sai fare l'amore (P. Limiti - S. Fabrizio), censurata dalla RAI.

La Vanoni con Gigi Proietti nel 1975

Nello stesso anno torna sul piccolo schermo accanto a Gigi Proietti, nello spettacolo Fatti e fattacci (che vince il prestigioso Festival della Rosa d'oro di Montreaux per l'intrattenimento). Il programma era basato sulle canzoni proposte da Proietti e dalla Vanoni, che interpretavano la parte di due cantastorie che andavano in giro per l'Italia con una compagnia di saltimbanchi fermandosi nella piazza di una città. Successivamente invece è in teatro, protagonista nella commedia dell'amica Iaia Fiastri intitolata Amori miei, un grande successo da cui in seguito verrà tratto l'omonimo film interpretato da Monica Vitti.

Nel 1976 realizza, con la collaborazione di Sergio Bardotti, un prestigioso album insieme a Vinícius de Moraes e Toquinho: La voglia la pazzia l'incoscienza l'allegria. L'album, interamente registrato in presa diretta, ottiene un notevole successo di critica e pubblico, raggiungendo il sesto posto di vendite in classifica. Il disco è una rilettura di diverse musiche brasiliane di bossa nova, scritte da alcuni dei più grandi nomi della musica brasiliana come Antônio Carlos Jobim e Chico Buarque, cantate in italiano. Il disco si presenta come un concept album, ossia come un'opera intera segnata da un filo conduttore unico: un album a tema composto da canzoni e poesie interpretate da Vinicius, dove spesso non vi è pausa né termine tra un pezzo e l'altro, ma sembra quasi la continuazione. Tale progetto discografico rappresenterà per la Vanoni uno dei momenti più alti a livello qualitativo e artistico di tutta la sua discografia, dal quale raggiungeranno il successo brani come "La voglia la pazzia". L'album è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia alla posizione numero 76.

Nello stesso anno esce anche la hit Più (cantata con Gepy), che dà il titolo all'omonimo LP.

L'anno successivo, dalla collaborazione con i New Trolls, nasce un nuovo doppio album (Io dentro / Io fuori), dal quale emergono successi come Ti voglio e Domani no. Segue una lunga e fortunata serie di concerti.

Nel 1977 la Vanoni posa nuda per la versione italiana di Playboy chiedendo come compenso, al posto del denaro, una sfera dell'artista Arnaldo Pomodoro con il quale nasce una profonda amicizia.

Nel 1978 esce l'LP Vanoni, caratterizzato da atmosfere sensuali e testi sempre più audaci: Vorrei darti è il successo dell'album ed esce anche su 45 giri.

Nel 1979 pubblica il primo volume della serie Oggi le canto così, imponente progetto discografico composto da quattro LP usciti tra il '79 e l'82, nei quali la Vanoni reinterpreta alcuni suoi brani storici in versione rinnovata: il primo volume contiene brani ripresi dal repertorio pubblicato dalla Ricordi e dalla Ariston, le sue due precedenti case discografiche, ed il solo della serie ad essere originariamente stampato su etichetta Vanilla; il secondo raccoglie alcuni pezzi di Gino Paoli e Luigi Tenco che Ornella aveva già interpretato, con l'eccezione de Il cielo in una stanza qui proposta per la prima volta, sotto forma di concept album in quanto spesso i pezzi si susseguono senza interruzioni e con Ornella che recita alcuni stralci di canzoni di Tenco; il terzo contiene le Canzoni della mala interpretate in passato da Ornella e riarrangiate; e infine con il quarto ed ultimo volume si conclude la serie delle reinterpretazioni dei successi della cantante.

Ritorna in tv a fianco del comico siciliano Pino Caruso per lo show Due come noi con la regia di Antonello Falqui. Di questo programma è ricordato soprattutto il celebre duetto di grandi successi con l'amico Franco Califano. Inoltre è protagonista, assieme a Ugo Tognazzi, del film I viaggiatori della sera, del quale Tognazzi è anche regista.

Anni ottanta: Ornella cantautrice, grandi collaborazioni e il jazz

Gli anni ottanta proseguono all'insegna di un'autoproduzione consapevole e un cambio di casa discografica, la CGD.

Aprono il decennio tre album di alto livello: Ricetta di donna (1980), Duemilatrecentouno parole (1981) e Uomini (1983). Duemilatrecentouno parole, di cui Ornella scrive ben sei pezzi, contiene oltre alla famosissima Musica musica anche la tenera e conosciuta Vai, Valentina e si avvale della presenza di Gino Paoli e Pierangelo Bertoli in due canzoni. L'album Ricetta di donna vanta le collaborazioni con Michele Zarrillo, Paolo Conte e Fabrizio de Andrè, il quale scrive il testo italiano di un classico di Leonard Cohen Famous blue raincoat, che diventa La famosa volpe azzurra. Mentre l'album Uomini ruota intorno alla tematica del maschio. Ornella, oltre a continuare a scrivere i testi si avvale della collaborazione di Lucio Dalla, Toquinho e Gerry Mulligan agli strumenti e di Giorgio Conte con il risultato di un album di altissima qualità, che, nonostante le polemiche del testo Il marinaio, di Maurizio Piccoli, ritenuto scabroso, ha dei buoni risultati di vendita, raggiungendo l'ottavo posto in classifica. Per questi lavori, Ornella non si limita a collaborare alla produzione (di Sergio Bardotti), ma scrive anche da sé alcuni pezzi (tra gli altri, "Ricetta di donna", "Per un'amica" e "Questa notte c'è"). Per la prima volta, interi album vengono concepiti in funzione di materiale proprio: 2301 sono le parole che scrive di suo pugno per l'omonimo album. "Bisogna darsi cariche nuove [...] e poi non c'era questo materiale straordinario d'autore che arrivasse sul tavolo", dichiarerà la cantante in un'intervista del 1982. Ma la Vanoni fa di necessità virtù, e il riscontro di pubblico e critica è subito entusiasta. Adotta così una nuova formula di lavoro, appoggiata da Sergio Bardotti e Maurizio Fabrizio, che diventa una costante e un brand per i lavori successivi.

Nel 1985 comincia una lunga serie di concerti nei principali teatri italiani in coppia con Gino Paoli, che segna il riavvicinamento artistico dei due a distanza di anni: da questa tournée di grandissimo successo viene registrato il doppio disco Insieme. Di tale impegno particolarmente apprezzata la canzone Ti lascio una canzone.

Nel frattempo la Vanoni lavora anche allo spettacolo di prosa Commedia d'amore, presentato nei teatri al fianco di Giorgio Albertazzi e portatore di critiche positive.

Il 18 settembre si esibisce al concerto Italy for Italy (realizzato per raccogliere fondi per il disastro di Stava e della Val di Fiemme[7]), cantando Poesia di Cocciante in duetto con Patty Pravo.

L'anno seguente Ornella si reca a New York con Sergio Bardotti per registrare Ornella &...: un doppio disco che presenta una selezione di canzoni italiane d'annata (Ma l'amore no, Una sigaretta..), d'autore (Se stasera sono qui, Chissà se lo sai..) e dell'ultimo periodo (La donna cannone, Ancora..) rilette in chiave jazz, con la collaborazione di massimi esponenti del genere come George Benson, Gil Evans, Herbie Hancock, Ron Carter e altri. L'album raggiunge la sesta posizione nelle classifiche di vendita.

Nel 1987 registra a Londra il prestigioso album "O" (prodotto da Greg Walsh e Ivano Fossati), che dà il via a un giro di concerti di alto livello, che sono anche i primi da sola, dal 1982. Per questa tournée Ornella sceglie nuovi musicisti, affianca ricercati pezzi di repertorio ai nuovi brani, e si avvale, per l'impianto scenico, degli amici Arnaldo Pomodoro e Gian Ruggero Manzoni (un piano inclinato triangolare movibile e trasformabile) e per i costumi di Gianni Versace (che ideò un aderente tubino nero lungo di base e accessori colorati cambiabili). Da questo momento, la Vanoni imprime la propria creatività anche sulla regia dei tour, a tratti impostata sul modello "Teatro-Canzone" di Giorgio Gaber, e che continua a recepire grande apprezzamento da parte del pubblico.

Nel 1989 torna al Festival di Sanremo con Io come farò, scritta per lei da Gino Paoli, che con Sergio Bardotti è autore dell'intero album Il giro del mio mondo. Con questo disco si conclude la collaborazione con Bardotti, ripresa poi nei primi anni Duemila.

Anni novanta

Nel nuovo decennio, dopo avere raggiunto il massimo della sua espressione artistica nell'interpretazione di canzoni d'autore legate alla sensualità e alla malinconia, Ornella punta ad atmosfere sempre più levigate e raffinate.

La cantante inizia a diradare le sue apparizioni televisive e la produzione discografica è meno frequente. In questi anni si lega all'avvocato e manager veneziano Vittorio Usigli.

Nel 1990 esce l'album Quante storie, per metà scritto da Stefano De Sando. Trovano posto anche Insieme a te (successo col quale inizia la collaborazione con Mario Lavezzi), Effetti speciali (scritta da Mariella Nava) e una sua personalissima versione de La costruzione di un amore, scritta da Ivano Fossati per Mia Martini.

Nel 1992 esce Stella nascente, primo album di Ornella Vanoni con la produzione di Mario Lavezzi, che scrive anche il singolo omonimo insieme a Mogol. In questo disco, la Vanoni ritorna a firmare i testi di ben cinque canzoni, tra cui Perduto. Inoltre comincia anche la collaborazione con Grazia Di Michele, che scrive Non era presto per chiamarti amore. Stella nascente ottiene il disco d'oro per le vendite.

Nel 1995 è la volta di Sheherazade, prodotto ancora da Mario Lavezzi. Ornella Vanoni è autrice di otto dei dodici ritratti femminili del disco, incentrato e dedicato ancora una volta alla donna. Il titolo dell'album, Sheherazade (come anche il brano omonimo), vuole essere un riferimento e una dedica all'ingegno, alla creatività, al potere della seduzione e della bellezza, propri dell'essere donna: emblema di ciò è Sheherazade o Sharāzād, personaggio protagonista de Le mille e una notte, che riuscì a sfuggire alla morte per mano del re persiano Shāhrīyār, trasformando il suo odio in "lacrime d'amore", grazie al suo fascino e alla sua fantasia. In una nota dell'album, la cantante definisce Sheherazade "il più grande archetipo femminile".

L'album, arrangiato da più musicisti, è tra i più eterogenei circa le atmosfere e le sonorità presenti. Due i principali successi contenuti nel disco: Per l'eternità di Mogol-Lavezzi e Rossetto e cioccolato, scritta dalla stessa Ornella. Anche a questo disco collabora Grazia Di Michele, coautrice assieme alla Vanoni di tre brani, tra cui Sos (che nel 2009 Ornella dichiarerà essere la canzone che più rappresenta se stessa e l'amore). Tra gli altri brani presenti, spiccano Lupa, Il mio trenino, I desideri delle donne e Angeli e no.

L'anno dopo, nel 1996, Ornella Vanoni avrebbe dovuto partecipare al Festival di Sanremo con un altro brano da lei firmato (Bello amore), ma poche ore prima della prova d'orchestra al Teatro Ariston, la melodia del brano (di Giuseppe Barbera) viene eseguita in un programma radiofonico della RAI, con un altro testo, da Emilia Pellegrino, la quale, avendo tentato senza successo la carriera di cantante presso il Centro Europeo Tuscolano di Mogol, secondo la stampa, avrebbe sottratto uno spartito con la melodia "incriminata" durante le attività musicali del CET, per poi riutilizzarla, mossa da frustrazione, per una sorta di vendetta personale (possibilmente favorita da qualcuno dell'ambiente). La stampa e la discografia si schierano a favore della Vanoni, definendo la sua una delle più belle canzoni in gara, ed è la Vanoni stessa a ritirarsi per prima dalla competizione, prima ancora di una decisione ufficiale della commissione del Festival di Sanremo[8]. La Vanoni dichiara in una conferenza stampa che la sua partecipazione al Festival sarebbe comunque stata un "di più", essendo impegnata nella fortunata tournée di Sheherazade (scenografia di Arnaldo Pomodoro e costumi di Gianfranco Ferré[9]), della quale inizialmente era anche prevista la realizzazione di un album dal vivo. Bello amore viene comunque incluso in una nuova ristampa di Sheherazade, che riceve il disco d'oro per le vendite.

Nel 1997 Ornella assistendo ad un concerto tenuto a Milano da un gruppo di tre giovani musicisti, rimane colpita dal trombettista di talento Paolo Fresu, non ancora conosciuto al grande pubblico, tanto che tra i due nascerà un'intensa collaborazione che permetterà la realizzazione di un altro pregevole album, Argilla, nel quale la Vanoni rilegge in chiave jazz alcuni grandi successi internazionali, talvolta tradotti in italiano, come il singolo Viaggerai.

«Sapevo che Argilla non avrebbe venduto nemmeno una copia, era troppo difficile per un paese come l'Italia. Ho comunque voluto pubblicarlo nonostante per molti sembrasse una pazzia. Molti dei brani contenuti sono stati registrati una volta soltanto.».

Nel 1999 accompagna Enzo Gragnaniello in gara al Festival di Sanremo duettando in Alberi, canzone che si classifica al quarto posto nella categoria Campioni. La Vanoni è anche la prima cantante a ricevere sul palco del Teatro Ariston il Premio alla Carriera, istituito proprio in quell'edizione.

Alberi viene inserita nell'album Adesso, disco dal vivo registrato durante il tour di Argilla (1998): nel cd è presente anche un testo di Samuele Bersani su musica di Sakamoto, Isola.

Anni duemila

Ornella Vanoni nel 2007

Nel 2000 Ornella collabora con i Delta V; da questo incontro nascono dei concerti estivi in alcuni luoghi artistici d'Italia come il Teatro romano di Verona o lo Sferisterio di Macerata.

Nel 2001 incide due album di cover, prodotti da Mario Lavezzi, in cui rivisita alcuni grandi successi italiani degli anni sessanta e settanta in chiave moderna: Un panino una birra e poi... e E poi... la tua bocca da baciare, col quale passa alla Sony Music. I due album le valgono rispettivamente un disco di platino e disco d'oro per le vendite.

Nel 2002 esce anche un disco dedicato alle canzoni di Burt Bacharach (Sogni proibiti), mentre nel 2003 esce Noi, le donne noi, raccolta di alcune delle sue più belle canzoni dedicate al mondo delle donne, in versione riarrangiata, unitamente ad alcuni commenti in forma di poesia, recitati dalla stessa Vanoni. L'inedito Noi, le donne noi è la sigla finale de Il bello delle donne, fiction interpretata, fra le altre, da Nancy Brilli, che ne incide la sigla in coppia con la stessa Vanoni e canta nel brano Ricetta di donna.

Nel 2004 Ornella e Gino Paoli incidono l'album di inediti Ti ricordi? No non mi ricordo (disco di platino per le vendite) e nel 2005 partono dopo vent'anni con un altro lunghissimo tour di successo, da cui verranno estratti un doppio CD e un DVD. Il disco riscuote un ottimo successo commerciale, raggiungendo il terzo posto della classifica degli album più venduti, vendendo più di 100.000 mila copie e quindi aggiudicandosi il disco di platino. Nel marzo 2005, insieme a Gino Paoli, riceve nel Teatro Rendano di Cosenza il "Riccio d'Argento" di Fatti di Musica, la rassegna diretta da Ruggero Pegna, per il "Miglior Concerto Teatrale dell'Anno".

Nello stesso anno, la canzone L'appuntamento viene inserita nella colonna sonora della pellicola di Steven Soderbergh Ocean's Twelve.

Debutta al Festival Magna Grecia Teatro 2007 di “Femmina e Fuoco - Voci dal mito”. Ornella interpreta i grandi miti greci nello spettacolo diretto da Giancarlo Cauteruccio. Testo originale del poeta Roberto Mussapi. Musiche di Raffaele Brancati e Gennaro De Rosa; dipinti/proiezioni di Teresa Maresca.

Anticipato dal singolo Gli amanti, che riscuote un buon successo, il 28 settembre 2007 viene pubblicato Una bellissima ragazza, il primo disco di inediti dal 1995 (anno di Sheherazade); realizzato prevalentemente con Mario Lavezzi e Pacifico, l'album vanta anche la partecipazione di Renato Zero, Ron e Grazia Di Michele come coautori, nonché la tromba di Paolo Fresu e la voce di Mario Biondi (nel brano Cosa m'importa). La scrittura degli archi porta la firma di Gianfranco Lombardi, già partecipe ai lavori de L'appuntamento (1970) e la direzione d'orchestra di Luigi Lombardi d'Aquino. Una bellissima ragazza vale alla Vanoni il Premio Lunezia per il valor musical-letterario delle canzoni nella categoria "Pop d'autore". L'album viene realizzato in seguito alla conversione di Ornella al Cristianesimo evangelico pentecostale, e dedicato a Gesù Cristo. In copertina appare il ringraziamento a "Gesù con tutto il cuore, noi due sappiamo perché"[10]. Il 30 novembre 2007 inizia la tournée (che proseguirà fino a maggio 2008) “Una bellissima ragazza”, concerto-spettacolo – le scenografie di Giancarlo Cauteruccio e la direzione musicale di Mario Lavezzi - che la porta nei maggiori teatri d’Italia ed in Spagna dove partecipa al “Festival Ellas Crean” al National Auditorium di Madrid e a “Le voci d’Italia”, rassegna organizzata nello splendido Palau de la musica catalana di Barcellona.

Nell’estate 2008 parte il tour “Ornella Live 2008” in luoghi storici e magici d’Italia con importanti partecipazioni: “Omaggio a Rosa Balistieri” con Carmen Consoli a Catania, “Musica per i borghi” dove duetta con Giorgia a Marsciano, l’ “Omaggio a Fabrizio De André” in seno al “Time in Jazz” di Paolo Fresu a L’Agnata, “Caulonia Festival” con Eugenio Bennato a Caulonia Superiore.

Il 2008 è anche l’anno di importanti riconoscimenti: “Premio Milano donna - le donne che hanno fatto grande Milano”, “Premio Marisa Bellisario Speciale alla Carriera “ dedicato a “Le donne che progettano il futuro: innovazione, creatività, meritocrazia”.

Il 17 ottobre 2008 viene pubblicato l'album Più di me, raccolta dei suoi grandi successi interpretati in duetto con alcuni illustri colleghi, fra cui Mina (Amiche mai), Eros Ramazzotti (con Solo un volo, primo singolo estratto), i Pooh (Eternità), Jovanotti (Più e Io so che ti amerò), Fiorella Mannoia (Senza paura), Claudio Baglioni (Domani è un altro giorno), Lucio Dalla (Senza fine), Gianni Morandi (La musica è finita), Carmen Consoli (L'appuntamento), e la rivelazione dell'anno Giusy Ferreri (Una ragione di più).[11] Il giorno seguente, per festeggiare i 50 anni di carriera, Ornella tiene un grande concerto in piazza Duomo a Milano davanti a una folla di 35 000 persone. Il disco riscuote un ottimo successo commerciale (oltre 200.000 copie vendute), ricevendo il doppio disco di platino, mentre il duetto con Eros Ramazzotti conquista la prima posizione nella classifica dei brani più scaricati legalmente. E' inoltre protagonista dello spettacolo “Ornella ancora più di me” in prima serata Rai 1, caratterizzato, oltre che dai duetti con gran parte degli artisti che hanno partecipato al cd, da monologhi e parlato “a braccio”, senza copione e come se non ci fossero le telecamere. Queste caratteristiche trasmettono al pubblico spontaneità e divertimento tanto da sbancare auditel e share.

Nel 2009 partecipa alla 59ª edizione del Festival di Sanremo come madrina della giovane cantante Simona Molinari, con cui duetta nel brano Egocentrica. Durante la serata interpreta anche Vedrai vedrai di Luigi Tenco, e ricorda Mino Reitano cantando Una ragione di più.

Nell'aprile dello stesso anno è guest star dello spettacolo Shock[12], balletto sulla catarsi dei vizi capitali, ideato e diretto da Andrea Forte Calatti e in scena al Teatro degli Arcimboldi, in cui Ornella interpreta due brani inediti sulle cui note danzano i Ballerini del Teatro alla Scala: La stagion lieta, tratta dal testo di Giosuè Carducci musicato da Alberto Soresina, e Una nuova vita, testo di Andrea Forte Calatti e musiche di Stefano Sanpietro.

Il 15 maggio 2009 esce per la Sony il primo volume del progetto di Alberto Zeppieri "Capo Verde, terra d'amore", per il World Food Programme delle Nazioni Unite: Ornella interpreta "Buona Vita" (Chantre, Vanoni, Zeppieri), duettando con il compositore originale Teofilo Chantre.

Il 13 novembre 2009 esce il disco Più di te, dedicato ancora una volta al mondo dei cantautori: Ornella Vanoni canta al maschile testi come Alta marea (Antonello Venditti), Quanto tempo e ancora (singolo che ha anticipato l'album, di Biagio Antonacci), Dune mosse (Zucchero Fornaciari), La mia storia tra le dita (Gianluca Grignani), Ogni volta (Vasco Rossi), e duetta con Lucio Dalla, Gianni Morandi, Mario Lavezzi (Vita), Samuele Bersani (Replay), Pino Daniele (Anima), Ron (Non abbiam bisogno di parole), Gianna Nannini (I maschi). Quest'ultimo album ottiene il disco d'oro[13] per le vendite.

Con Claudio Baglioni ha di nuovo duettato nel disco Q.P.G.A., con la canzone Fiore de sale.

Anni duemiladieci

Il 25 luglio 2010 riceve il Premio Lunezia alla carriera.

Il 5 ottobre dello stesso anno esce per la Sony Music un nuovo disco dal vivo, registrato l'anno precedente durante alcune serate esclusive al Blue Note di Milano: Live al Blue Note.

Il 26 ottobre 2010 esce Donne dei Neri per Caso, album di duetti a cappella con importanti artiste donne[14], tra le quali Ornella Vanoni, che reinterpreta Io che amo solo te di Sergio Endrigo.

Nel 2011 incide con Roberto Vecchioni una nuova versione di Dentro gli occhi, canzone con cui i due avevano già duettato nell'album Hollywood Hollywood (1982). In settembre ritorna a cantare le Canzoni della Mala al Piccolo Teatro di Milano insieme a Peppe Servillo, e partecipa come giudice al nuovo talent show di Rai 2 Star Academy. Nel mese seguente viene pubblicata la sua autobiografia Una bellissima ragazza.

Nell'estate del 2012, la cantante Katy Garbi pubblica per il mercato greco un duetto virtuale con Ornella Vanoni nella sua canzone Buona vita (tratto dall'album Una bellissima ragazza, del 2007), riscuotendo un buon successo di classifica. Nello stesso periodo, riceve a Capri il prestigioso Premio Faraglioni, riconoscimento patrocinato dal Presidente della repubblica.

L'11 marzo 2013 viene presentato al Piccolo Teatro di Milano il docufilm di Alexandra della Porta Rodiani sulla vita dell'artista, intitolato Ornella Vanoni. Ricetta di donna.

Anticipato dal singolo estivo Basta poco, il 10 settembre 2013 esce con la consueta produzione di Mario Lavezzi, l'album Meticci (Io mi fermo qui), nel quale Ornella collabora anche con Nada e Franco Battiato, annunciandolo come il suo ultimo lavoro di inediti. L'album ottiene un buon successo, esordendo al 4° delle classifiche nella prima settimana. Nel frattempo, la cantante porta avanti una serie di concerti jazz, iniziati in Svizzera, ad Ascona, con la All Star Jazz Band, e prosegue con altre date a New York, a Venezia e al Blue Note di Milano.

Il 16 ottobre 2013, Giornata Mondiale dell'Alimentazione, Ornella è presente nel quarto volume musicale prodotto da Alberto Zeppieri per il World Food Programme delle Nazioni Unite, intitolato Capo Verde, terra d'amore, con il brano La parola (E' preciso perdoar), cantato in coppia con Gino Paoli.

Nel febbraio 2014 Ornella annuncia la sua ultima tournée teatrale intitolata Un filo di trucco, un filo di tacco, titolo che ricorda la frase che la madre della Vanoni le ripeté per anni prima di uscire. Lo spettacolo, portato nei principali e più grandi teatri italiani, presenta davvero l'aspetto di un recital composto non soltanto dall'esecuzione dei più importanti successi della cantante, ma anche momenti di dialogo con il pubblico e monologhi scritti proprio dalla Vanoni.

«Dopo aver annunciato che Un filo di trucco, un filo di trucco sarà la mia ultima tournée tutti mi chiedono se smetterò di cantare. Non ci penso neanche! Fino a quando potrò canterò, non potrei fare altrimenti. Sarà l'ultima tournée nel senso che non ho più le forze di tenere un palco per più di due ore e alternare musica a recitazione.»

A maggio, è ospite della sesta puntata del serale di Amici di Maria De Filippi, e apre inoltre il quinto volume di Capo Verde, terra d'amore, album prodotto da Zeppieri per il mensile italiano Musica Jazz, con una nuova versione di Buona vita, assieme a Katy Garbi e alla tromba e al flicorno di Paolo Fresu.

Nel 2015, dopo aver festeggiato il traguardo degli ottant'anni, riprende ad esibirsi dal vivo con il tour Un filo di trucco, un filo di tacco e contemporaneamente ritorna sul grande schermo recitando al fianco di Claudio Bisio, Renato Pozzetto e Frank Matano nel film di Alessandro Genovesi Ma che bella sorpresa.

Nel settembre dello stesso anno partecipa al tributo della rivista Musica Jazz in occasione del decennale della scomparsa di Sergio Endrigo[15], interpretando Uomini nella raccolta Momenti di jazz[16]. A dicembre le viene conferito il Premio Elsa Morante Musica alla Carriera, come riconoscimento per la lunga e virtuosa carriera.

Tra il 2015 e il 2016, la cantante è nuovamente in tour con un ennesimo spettacolo totalmente acustico, dal titolo Free soul. «Il concerto si apre con la voce di Vinicius De Moraes che recita una poesia e poi la scaletta spazia dal jazz alla bossanova, dai suoi grandi successi e ad alcune chicche che Ornella regalerà al pubblico, senza tralasciare le radici soul che da sempre accompagnano le sue interpretazioni più intense. L'aspetto più emozionante del concerto rimane il dialogo verbale tra Ornella e il pubblico: a ruota libera, senza un copione scritto, racconta la libertà dell'anima.»[17]

Dopo un periodo di pausa, il 28 ottobre 2017 apre la stagione del Piccolo teatro Strehler di Milano, a cui è molto legata, con lo spettacolo ideato appositamente per l'occasione, "Sono nata qui. Ornella Vanoni in concerto", in cui ripercorre tutta la sua carriera, alternando celebri canzoni tratte dal sua prestigioso repertorio a momenti di ironia e dialogo con il pubblico. Lo spettacolo diventa anche un programma televisivo, trasmesso da Sky arte e accompagnato da una lunga intervista esclusiva.

Nel dicembre 2017 viene annunciata la partecipazione di Ornella al Festival di Sanremo 2018, a distanza di vent'anni dall'ultima volta, insieme a Bungaro e Pacifico con un brano intitolato Imparare ad amarsi[18], dimostrando ancora una forte capacità interpretativa e scenica, e riceverà una standing ovation durante la serata finale. Nella serata dedicata ai duetti, canta il brano insieme all'attore Alessandro Preziosi. Al Festival la canzone si piazza al quinto posto della classifica, e ad Ornella viene attribuito il Premio Sergio Endrigo attribuito dalla stampa per la migliore interpretazione.[19] Il 9 febbraio dello stesso anno esce l'album antologico Un pugno di stelle, contenente 58 tracce suddivise in 3 dischi tra celebri successi, duetti e cover.

Durante tutto il 2018 e parte del 2019 è nei principali teatri italiani con lo spettacolo La mia storia tour , in cui canta anche l'ultimo successo, Imparare ad amarsi.

Nel 2019 partecipa alla seconda edizione del programma Ora o mai più, condotto da Amadeus su Rai 1, in qualità di Coach del cantante Paolo Vallesi. Dal settembre 2019 è giudice della prima edizione di Amici Celebrities condotto da Maria De Filippi prima, e poi da Michelle Hunziker, su Canale 5.

Il 1º dicembre 2019 è protagonista del programma "In Arte...Ornella Vanoni" condotto da Pino Strabioli, con il quale ripercorre la sua lunga carriera, alternando all'intervista rari filmati.

Anni duemilaventi

Durante la serata del 6 febbraio della settantesima edizione del Festival di Sanremo accompagna Alberto Urso cantando La voce del silenzio.

Nello stesso anno prende parte al supergruppo Italian Allstars 4 Life che riunisce oltre cinquanta artisti italiani per l'incisione del brano Ma il cielo è sempre blu (Italian Stars 4 Life), cover corale del brano di Rino Gaetano. I ricavati del singolo, pubblicato l'8 maggio, vengono devoluti alla Croce Rossa Italiana per sostenere Il Tempo della Gentilezza, progetto a supporto delle persone più fragili colpite dalla pandemia di COVID-19 del 2019-2021. Durante lo stesso periodo pubblica sulle principali piattaforme digitali, la versione in chiave jazz della celeberrima canzone Domani è un altro giorno, con l'amico Paolo Fresu, alla tromba, e Rita Marcotulli, al pianoforte

Il 4 agosto 2020, in occasione della cerimonia di inaugurazione del nuovo Viadotto Genova San Giorgio, viene diffusa la nuova versione di Crêuza de mä, originariamente eseguita da Fabrizio De Andrè, cantata da 18 artisti italiani, tra i quali, oltre alla stessa Vanoni, Mina, Zucchero, Diodato, Gianna Nannini, Mauro Pagani, Vinicio Capossela, Vasco Rossi, Paolo Fresu, Vittorio De Scalzi, Jack Savoretti, Antonella Ruggiero, Francesco Guccini, Ivano Fossati, Ornella Vanoni, Giuliano Sangiorgi, Cristiano De André, su progetto di Dori Ghezzi.

Nell'estate 2020 firma un contratto con la casa discografica BMG e annuncia la preparazione di un nuovo album di inediti, a distanza di sette anni dall'ultimo. L'album, composto da 11 inediti, si intitola Unica, uscirà il 29 gennaio 2021 e si tratta del 50º album della cantante. La produzione è di Mauro Pagani, il quale collabora nuovamente con la Vanoni a distanza di trenta anni dall'ultima volta, mentre gli arrangiamenti sono tutti del giovane Fabio Ilaqua, autore anche di alcuni pezzi, mentre gli altri brani vantano la firma di Francesco Gabbani, Giuliano Sangiorgi, Renato Zero, Carmen Consoli e Pacifico. Inoltre sono contenuti anche tre duetti, con Virginia in Tu/me, con Carmen Consoli in Carezza d'autunno e con Fabio Ilaqua in La mia parte. Il disco sarà disponibile in tre diverse versioni (deluxe version, Vinile e digital download), ma non verrà pubblicato sulle piattaforme digitali per scelta della cantante, tranne i due singoli. L'8 gennaio 2021 viene pubblicato il singolo Un sorriso dentro al pianto, scritto da Gabbani, mentre il 29 gennaio esce Arcobaleno, scritto da Sangiorgi.

L'album riscuoterà un importante successo di critica e pubblico, piazzandosi alla terza posizione della classifica delle vendite.

Il 6 marzo 2021 è ospite d'onore dell'ultima serata del 71esimo Festival di Sanremo nel quale si esibisce con un medley eseguendo grandi successi del suo vasto repertorio, dimostrando ancora una forte capacità vocale e interpretativa, e poi cantando "Un sorriso dentro al pianto" accompagnata al pianoforte da Francesco Gabbani.

Discografia

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Ornella Vanoni.

Album pubblicati

Tour

  • 1958-1959 - Canzoni della mala
  • 1970-1971 - ..Ah! l'amore l'amore quante cose fa fare l'amore..
  • 1977-1978 - Io dentro / Io fuori tour
  • 1984 - 1985 - Insieme
  • 1987- 1988 - "O" tour
  • 1992-1993 - Quante storie tour
  • 1995- 1996 - Sheherazade tour
  • 1997 - 1998 - Argilla tour
  • 2000 - Ornella Vanoni e i Delta V
  • 2002 - Sogni proibiti tour
  • 2005 - 2007 - Ti ricordi? No non mi ricordo tour
  • 2007 - 2008 - Una bellissima ragazza tour
  • 2008 - Ornella Live 2008
  • 2009 - Tour Più di Me 2009
  • 2011 - Contatto 2011
  • 2014 - 2015 - Un filo di trucco, un filo di tacco
  • 2015 - 2016 - Free soul
  • 2017 - 2019 - La mia storia tour

Filmografia

Cinema

Teatro

Televisione

Prosa televisiva

Varietà

Radio

Dicono di lei

  • "È stato per me un onore, oltre che un piacere, realizzare un duetto - per di più con una mia canzone scritta apposta per lei - con Ornella, che considero una delle maggiori protagoniste della musica leggera italiana di tutti i tempi". Eros Ramazzotti[20].
  • "La voce della Vanoni è come un profumo. Dopo averla ascoltata ci si sente bene. Immersi in qualcosa di bello che rimane". Jovanotti[20].
  • "Non c'era differenza tra il suo recitare e il suo cantare, mentre quando la sento cantare, come nella canzone che abbiamo registrato insieme, oltre il suo grande feeling, mantiene intatta la sua qualità d'attrice. Per me Ornella è musica, quando parla, quando canta e anche quando dorme. Non so se russa, ma se lo fa, sicuramente 'russa soul'". Lucio Dalla[20].
  • "Ornella è lo stile". Claudio Baglioni[20].
  • "Ho sempre ammirato la Vanoni, la sua forza interpretativa, l'eleganza, la sua straordinaria autoralità - intesa come capacità d'essere "autrice" - delle sue interpretazioni. Ma più di tutto mi incanta la sobrietà con la quale domina il palco attraverso un piccolo gesto della mano, tiene l'attenzione del pubblico con lo sguardo". Carmen Consoli[20].

Partecipazioni a manifestazioni canore

Festival di Sanremo

Come interprete

Edizione Artista Abbinamento Brano Autore Categoria Posizione Premi
1965 Ornella Vanoni Udo Jurgens Abbracciami forte Carlo Donida, Mogol - -
1966 Orietta Berti Io ti darò di più Memo Remigi, Alberto Testa
1967 Mario Guarnera La musica è finita Nisa, Franco Califano, Umberto Bindi Lady Festival (premio eleganza)
1968 Marisa Sannia Casa Bianca Don Backy, Eligio della Valle -
1970 I Camaleonti Eternità Giancarlo Bigazzi, Claudio Cavallaro
1989 - Io come farò Mauro Pagani, Gino Paoli e Sergio Bardotti Campioni 10°
1999 Ornella Vanoni ed Enzo Gragnaniello Alberi Enzo Gragnaniello Premio alla Carriera
2018 Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico Alessandro Preziosi (serata duetti) Imparare ad amarsi Bungaro, Pacifico, Cesare Chiodo, Antonio Fresa Premio miglior interpretazione "Sergio Endrigo"; Premio Baglioni d'oro

Nel 1996 avrebbe dovuto partecipare in gara con il brano Bello amore, ma il brano risultava già edito, con testo diverso da un'altra artista. Ornella Vanoni fu sostituta da Enrico Ruggeri con il brano L'amore è un attimo.

Come ospite

Festivalbar

Festival di Napoli, La prova del nove, Scala reale, Partitissima, Canzonissima e Risatissima

  • 1964 - Festival di Napoli 1964: Tu si 'na cosa grande (vincente)- Ammore mio
  • 1965 - La prova del nove: Non dimenticar...(le mie parole), Tu sì na cosa grande
  • 1966 - Scala reale: Cercami
  • 1967 - Partitissima: La musica è finita - Il mio posto qual è - Tristezza per favore va via - Senza di te - Un'ora sola ti vorrei - Non finirà
  • 1968 - Canzonissima 1968: Un'ora sola ti vorrei - Sono triste
  • 1970 - Canzonissima 1970: L'appuntamento - Una ragione di più
  • 1971 - Canzonissima 1971: Domani è un altro giorno - L'appuntamento - Il tempo di impazzire
  • 1984 - Risatissima: Ricetta di donna

Mostra internazionale Musica Leggera di Venezia

  • 1966: Finalmente libera / Io no
  • 1967: Ti saluto ragazzo / Il mio posto qual è
  • 1968: Quando sei triste prendi una tromba e suona
  • 1969: Mi sono innamorata di te
  • 1970: L'appuntamento
  • 1971: Domani è un altro giorno (ritira la Gondola d'oro per le vendite dell'appuntamento)
  • 1972: Io,una donna
  • 1973: Sto male / Superfluo
  • 1974: La gente e me / La tana degli artisti
  • 1977: Domani no (con i New Trolls)

Impegno politico

Vanoni è stata candidata alle elezioni amministrative 2011 per il Comune di Milano nella lista «Milano al centro», centrodestra, lista in appoggio al sindaco uscente Letizia Moratti, non riconfermata. La Vanoni ha ottenuto 36 voti di preferenza.[21]

Onorificenze

Grande ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri»
— Roma, 2 giugno 1993[22]

Note

  1. ^ Fabrizio Testa, Le ali e le radici del Jazz al femminile, su oaplus.oasport.it, 27 ottobre 2019. URL consultato il 27 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2019).
  2. ^ a b c d e Ornella Vanoni - biografia, su cinquantamila.corriere.it. URL consultato il 22 maggio 2015 (archiviato il 4 ottobre 2015).
  3. ^ Ornella Vanoni:, su oggi.it. URL consultato il 22 maggio 2015 (archiviato il 17 maggio 2015).
  4. ^ Manin Giuseppina, Ornella battagliera con Ardenzi " hai finito di sfruttarmi ", su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 22 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2015).
  5. ^ da strehler a gino paoli, gli amori e le passioni di ornella vanoni raccontati a giancarlo dotto. URL consultato l'11 novembre 2016 (archiviato il 2 giugno 2016).
  6. ^ Ornella Vanoni canta "Abbracciami forte", su youtube.com. URL consultato il 3 maggio 2019 (archiviato il 26 dicembre 2015).
  7. ^ ITALY FOR ITALY - la Repubblica.it, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 28 marzo 2019 (archiviato il 27 marzo 2019).
  8. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Un siluro alla Vanoni: esclusa da Sanremo, in Corriere della Sera, 10 febbraio 1996, p. 31. URL consultato il 6 febbraio 2011 (archiviato il 1º gennaio 2016).
  9. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Ornella Sheherazade, un mondo di sensualita', in Corriere della Sera, 1º novembre 1995, p. 30. URL consultato il 6 febbraio 2011.
  10. ^ Vanoni: Gesù mi ha cambiata. Sono diventata un'evangelica, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 3 febbraio 2009 (archiviato il 29 giugno 2013).
  11. ^ PopOn la Musica Italiana. Intervista a Ornella Vanoni. News e informazioni su Ornella Vanoni. - Ornella Vanoni, la voce, su popon.it. URL consultato il 22 marzo 2009 (archiviato il 2 dicembre 2008).
  12. ^ Danza. Agli Arcimboldi va in scena "Shock", in comune.milano.it, 20 aprile 2009. URL consultato il 9 ottobre 2014 (archiviato il 14 ottobre 2014).
  13. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Benvenuto! Archiviato il 28 febbraio 2013 in Internet Archive.
  14. ^ Le Donne dei Neri Per Caso, su musicalnews.com. URL consultato l'11 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2010).
  15. ^ Copia archiviata, su lisolachenoncera.it. URL consultato il 26 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2015).
  16. ^ Copia archiviata, su notespillate.com. URL consultato il 26 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2015).
  17. ^ Città di Venezia - Teatro Toniolo: inizia la prevendita biglietti per lo spettacolo "Free soul" di Ornella Vanoni del 17 marzo, su www.comune.venezia.it. URL consultato il 7 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2016).
  18. ^ "Sanremo 2018, i big in gara", Corriere della sera, 15 dicembre 2017, su corriere.it. URL consultato il 18 dicembre 2017 (archiviato il 19 dicembre 2017).
  19. ^ Sanremo 2018, Ornella Vanoni vince il Premio Sergio Endrigo alla migliore interpretazione, su ilgiorno.it. URL consultato l'11 febbraio 2018 (archiviato il 12 febbraio 2018).
  20. ^ a b c d e Copia archiviata, su wuz.it. URL consultato il 7 febbraio 2010 (archiviato il 20 novembre 2009).
  21. ^ Vanoni: io, candidata da 36 voti L'Expo? La gente vuole treni puliti Archiviato il 1º giugno 2014 in Internet Archive., intervista di Andrea Galli su corriere.it
  22. ^ Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana Vanoni sig.ra Ornella

Bibliografia

  • Antonio Sciotti, Enciclopedia del Festival della Canzone Napoletana 1952-1981, ed. Luca Torre, 2011.
  • AA. VV., Dizionario della canzone italiana, a cura di Gino Castaldo, Armando Curcio Editore, 1990, alla voce "Vanoni Ornella" di Enzo Giannelli, pp. 1686–1689.
  • Luca Cerchiari, Mina, Una Voce Universale, Mondadori (2020); alla voce Vanoni, Ornella ISBN 978-8804724599

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN38005239 · ISNI (EN0000 0000 5930 4245 · SBN IT\ICCU\RAVV\109784 · Europeana agent/base/80835 · LCCN (ENno2001038126 · GND (DE12969469X · BNF (FRcb139007393 (data) · BNE (ESXX1146925 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2001038126

Informazione

L'articolo Ornella Vanoni in Wikipedia italiana ha preso i seguenti posti nella classifica di popolarità locale:

Il contenuto presentato dell'articolo di Wikipedia è stato estratto 2021-03-16 sulla base di https://it.wikipedia.org/?curid=100388