La Rappresentante di Lista

La Rappresentante di Lista
La rappresentante di lista.jpg
La Rappresentante di Lista in concerto a Palermo per il Go Go Diva Tour (2018)
Paese d'origineItalia Italia
GenereRock progressivo[1]
Queer pop[2]
Periodo di attività musicale2011 – in attività
Etichetta
Gruppi attualiVeronica Lucchesi, Dario Mangiaracina, Erika Lucchesi, Marta Cannuscio, Enrico Lupi, Roberto Calabrese
Album pubblicati5
Studio4
Live1

La Rappresentante di Lista, noto anche con la sigla LRDL, è un gruppo musicale italiano formato nel 2011 da Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina, a cui si sono aggiunti in seguito altri musicisti.

Storia

Il debutto musicale (2011-2014)

La band nasce nel giugno 2011 quando Veronica, originaria di Viareggio, e Dario, originario di Palermo, si incontrano a Valledolmo, in provincia di Palermo, durante le prove dello spettacolo teatrale Educazione Fisica, diretto da Sabino Civilleri e Manuela Lo Sicco.[3][4] Veronica, in precedenza, si era trasferita a Palermo per frequentare un corso di teatro di Emma Dante[5] dopo aver abbandonato gli studi in Giurisprudenza[6].

Il nome del gruppo nasce quando Veronica, per poter votare fuori sede al referendum abrogativo del 2011 in tema di energia nucleare, si iscrisse come rappresentante di lista di uno dei vari partiti politici.[7] Il 6 marzo 2014 esce il loro primo album, (per la) Via di casa, che inaugura la collaborazione della band con l'etichetta Garrincha Dischi. L'album, che presenta sonorità folkloristiche e territoriali, contiene anche due canzoni in lingua tedesca (Klammern an den Zähnen e Winter Underwear).[8]. Proprio con la canzone La Rappresentante di Lista contenuta nel primo album, partecipano alla XXV edizione del festival Musicultura nel 2014, risultandone finalisti.

Bu Bu Sad (2015-2017)

Il 4 dicembre 2015 esce il loro secondo album, Bu Bu Sad che porta la band a suonare dal vivo in tutta Italia.[9] Per la presentazione del nuovo disco, alla formazione originale si aggiungono l'urbinate Enrico Lupi e la palermitana Marta Cannuscio. Dai continui concerti seguenti l'uscita di Bu Bu Sad nasce l'idea di pubblicare, il 7 marzo 2017, il primo album live della band, Bu Bu Sad Live. Nell'album si trovano le versioni live, registrate in varie tappe del tour, di alcune delle canzoni presenti nell'album Bu Bu Sad e anche di canzoni provenienti dall'album d'esordio (La Rappresentante di Lista, canzone che dà il nome al gruppo) e dall'EP Invisibilmente (Mina Vagante).[10]

Go Go Diva (2018-2020)

L'8 novembre 2018 la band annuncia sui social l'uscita del terzo album in studio, Go Go Diva, pubblicato poi il 14 dicembre dello stesso anno, descrivendolo come «un invito a perdersi, a battersi, a spogliarsi e a cantare con tutta la voce che si ha in corpo», aggiungendo che «nell'inferno dei desideri, nel buio della paura, nell’oscurità di questo tempo, noi ci sentiamo maledettamente vivi».[11] Il 16 novembre esce in tutti i negozi digitali Questo corpo, singolo promozionale del nuovo album, che farà parte anche della colonna sonora della serie The New Pope di Paolo Sorrentino.[12] Lo stesso 16 novembre vengono pubblicate le date del Go Go Diva Tour, con prima tappa a Palermo il 25 dicembre 2018.[13]

Il 16 aprile 2019 viene pubblicata su Rockit.it una versione inedita di Conoscersi In Una Situazione Di Difficoltà, collaborazione musicale del gruppo con Giovanni Truppi,[14] mentre il 24 giugno viene pubblicato un featuring con Dimartino per il singolo Ci diamo un bacio.[15]

Il 1º maggio 2019 LRDL si esibisce al Concerto del Primo Maggio a Roma.[16] Conclusa la prima parte del Go Go Diva Tour, il 24 settembre 2019 la band dà inizio ad Anatomia Fantastica al Mercurio Festival di Palermo, una performance incentrata sul tema del realismo magico di Jodorowsky con incursioni in Cortázar e Rodari. La performance viene replicata in varie città italiane.[17]

Il 31 gennaio 2020 viene rilasciato il brano già edito di Giovanni Truppi Due Segreti per il nuovo singolo 5, in duetto con il gruppo musicale.[18]

Il 6 febbraio 2020 LRDL partecipa alla terza serata del Festival di Sanremo a fianco di Dardust e del cantante in gara Rancore per l'interpretazione del brano Luce (tramonti a nord est) di Elisa. La performance arriva ottava nella classifica della serata.[19]

My Mamma e il Festival di Sanremo (2021-presente)

Il 14 dicembre 2020 la band rivela di stare lavorando a un nuovo album.[20] Il successivo 17 dicembre, nel corso di Sanremo Giovani 2020, viene annunciato il loro ritorno sul palco dell'Ariston per il Festival di Sanremo 2021, stavolta come concorrenti nella sezione Big, con il brano Amare.[21] Il gruppo otterrà l'undicesimo posto nella classifica finale.[22] L'8 febbraio 2021 il gruppo annuncia per il 5 marzo l'uscita del suo quarto album in studio, My Mamma, il cui singolo di lancio, Alieno, viene pubblicato il 12 febbraio.[23]

Stile musicale

Il gruppo si definisce una band «queer», come affermato più volte in varie interviste:

«Non è più il tempo delle definizioni. Come nella sessualità sfumano i confini dei generi, così nella musica. [...] Queer è un termine che abbiamo preso in prestito dai ragionamenti sull’identità sessuale. Prima che venisse acquisito da chi negli anni '90 lottava per i diritti della comunità LGBT, queer era l'equivalente del nostro "finocchio". Oggi queer è sinonimo di "eccentrico", "sui generis", "strambo". Questa non-definizione ammette la possibilità di cambiare, di trasformarsi.»

(LRDL per La Repubblica, 2017[24])

«Ogni volta è un delirio definirsi, ma abbiamo trovato una parolina presa da un altro campo, da una sfera prettamente sessuale che è "Queer". Se tu vai alla definizione e togli tutti gli aspetti che hanno a che fare con la sessualità, trovi un significato trasversale di questa parola, senza schemi, senza classificazioni, libero dall'identità di genere, in qualche modo fluido, che non ha paura di mischiare. Quello che facciamo potrebbe proprio essere queer, quindi queer music, anche se non trattiamo tematiche queer propriamente dette. Però queer ci piace.»

(LRDL per Noise Symphony, 2018[25])

«Ci rendiamo conto che esistono degli standard che fanno di un brano un prodotto allineato e con un certo numero di possibilità di ricevere gli allori dell'alternative ieri come dell'indie o dell'IT Pop oggi. Le possibilità di non cedere a questi schemi […] sono innumerevoli. Spesso basta semplicemente affidarsi alla propria creatività. Il mio timore è che a volte si abbia più la necessità di confezionare quello che si è scritto […] per il desiderio di esporsi e di ricevere consenso […] più che per il desiderio di comporre musica. Il nostro queer pop è figlio della nostra curiosità e del divertimento che ci assale in studio e in sala prove.»

(LRDL per Bossy, 2019[26])

«[ci sentiamo portatori di un'identità] Fluida, perché la sessualità non ha confini. Ma son servite le definizioni, le lotte per i diritti di prima, per poter affermare, come faccio io, di non volere essere "fissato" in uno schema di genere.»

(Dario Mangiaracina per Vogue Italia, 2021[27])

Formazione

[28]

Discografia

Album in studio

Album dal vivo

Singoli

  • 2015 – Invisibilmente
  • 2015 – Apriti cielo!
  • 2017 – ...e la luna bussò! [Live]
  • 2018 – Questo corpo
  • 2019 – Woow
  • 2021 – Alieno
  • 2021 – Amare

Teatro e televisione

Note

  1. ^ Alberto Giusti, la Rappresentante di Lista Bu Bu Sad, su rockit.it. URL consultato il 9 maggio 2017.
  2. ^ https://www.bossy.it/intervista-a-la-rappresentante-di-lista.html
  3. ^ La Rappresentante di Lista. «Ecco la nostra canzone‑teatro», su mentelocale.it, 13 febbraio 2014. URL consultato l'8 marzo 2021.
  4. ^ Rock Revolution intervista i La Rappresentante di Lista - 16 dicembre 2011. URL consultato l'8 marzo 2021.
  5. ^ Da Viareggio al palco di Sanremo Veronica è in rampa di lancio - Il T…, su archive.is, 3 aprile 2020. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  6. ^ La Rappresentante Di Lista: «Voce del verbo Amare», su VanityFair.it, 17 febbraio 2021. URL consultato il 21 febbraio 2021.
  7. ^ Annalisa Ruggiero, La Rappresentante di Lista, pop e autorialità al servizio dell’imprevedibile, su lenius.it. URL consultato il 12 maggio 2017.
  8. ^ Stefano Zicari, la Rappresentante di Lista – (Per La) Via Di Casa, su impattosonoro.it. URL consultato il 12 maggio 2017.
  9. ^ Fiorella Vacirca, La Rappresentante di Lista – Bu bu sad, su crunched.it. URL consultato il 12 maggio 2017.
  10. ^ Anna Gaia Cavallo, “Bu Bu Sad”: il primo album live de La Rappresentante Di Lista, su loudvision.it. URL consultato il 15 maggio 2017.
  11. ^ la Rappresentante di Lista, su www.facebook.com. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  12. ^ The new Pope, la colonna sonora del duo siciliano "La rappresentante di lista", su la Repubblica, 19 gennaio 2020. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  13. ^ la Rappresentante di Lista, su www.facebook.com. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  14. ^ Rockit.it, Giovanni Truppi feat. La Rappresentante Di Lista / Notturni di Rockit, 16 aprile 2019. URL consultato il 17 aprile 2019.
  15. ^ Ci diamo un bacio (feat. La rappresentante di lista). URL consultato il 6 novembre 2019.
  16. ^ Rockol com s.r.l, √ Concerto del Primo Maggio 2019 a Roma, parla La Rappresentante di Lista. Video, su Rockol. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  17. ^ a b La Rappresentante Di Lista | Anatomia Fantastica. Quello che hai voglia di dare non lo puoi trattenere – LRDL legge Jodorowsky - Bologna Agenda Cultura, su agenda.comune.bologna.it. URL consultato il 6 novembre 2019.
  18. ^ rockonit, GIOVANNI TRUPPI: esce il 31 gennaio “5” con duetti con Calcutta, Niccolò Fabi, La Rappresentante di Lista e Brunori Sas, su Rockon.it, 15 gennaio 2020. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  19. ^ Festival di Sanremo 2020: le date, il conduttore, i cantanti big, gli ospiti e le vallette. Tutto quello che dovete sapere sulla kermesse musicale, su www.leggo.it. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  20. ^ Rockol com s.r.l, √ La Rappresentante di Lista in gara a Sanremo 2021: chi è la band di Veronica Lucchesi, su Rockol. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  21. ^ La Nazione, Sanremo, tris Woodworm: l'etichetta aretina al festival con "La rappresentante di lista", su La Nazione, 1608255962569. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  22. ^ Redazione Spettacoli, La classifica finale del Festival, su Corriere della Sera, 3 luglio 2021. URL consultato il 7 marzo 2021.
  23. ^ Accedi a Facebook, su Facebook. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  24. ^ https://xl.repubblica.it/articoli/la-rappresentante-di-lista-il-lato-queer-della-musica/62030/
  25. ^ https://www.noisesymphony.com/2018/12/23/la-rappresentante-di-lista-go-go-diva-intervista/
  26. ^ https://www.bossy.it/intervista-a-la-rappresentante-di-lista.html
  27. ^ https://www.vanityfair.it/music/storie-music/2021/02/17/la-rappresentante-di-lista-sanremo-2021-lrdl-amare-chi-sono-biografia
  28. ^ la Rappresentante di Lista biografia, su rockit.it. URL consultato il 15 maggio 2017.
  29. ^ Intervista a La Rappresentante di Lista, su VanityFair.it, 19 febbraio 2020. URL consultato il 19 febbraio 2020.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Informazione

L'articolo La Rappresentante di Lista in Wikipedia italiana ha preso i seguenti posti nella classifica di popolarità locale:

Il contenuto presentato dell'articolo di Wikipedia è stato estratto 2021-03-16 sulla base di https://it.wikipedia.org/?curid=6387055