Guglielmo Epifani

Guglielmo Epifani
Guglielmo Epifani daticamera 2013.jpg

Segretario del Partito Democratico
Durata mandato 11 maggio 2013 –
15 dicembre 2013
Predecessore Pier Luigi Bersani
Successore Matteo Renzi

Segretario generale della CGIL
Durata mandato 20 settembre 2002 –
3 novembre 2010
Predecessore Sergio Cofferati
Successore Susanna Camusso

Presidente della 10ª Commissione Attività Produttive della Camera dei deputati
Durata mandato 7 maggio 2013 –
22 marzo 2018
Predecessore Manuela Dal Lago
Successore Barbara Saltamartini

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 marzo 2013 –
7 giugno 2021
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
XVII:
- Partito Democratico (fino al 28/02/2017)
- Articolo 1 - M.D.P.
(dal 28/02/2017)
XVIII: Liberi e Uguali
Coalizione Italia. Bene Comune (XVII)
Circoscrizione XVII: Campania 1
XVIII: Sicilia 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI (fino al 1994)
FL (1994-1998)
DS (1998-2007)
PD (2007-2017)
Art.1 (2017-2021)
Titolo di studio Laurea in filosofia
Università Università degli Studi di Roma La Sapienza
Professione Sindacalista

Ettore Guglielmo Epifani (Roma, 24 marzo 1950Roma, 7 giugno 2021) è stato un sindacalista e politico italiano.

Segretario generale della CGIL dal 2002 al 2010 e dall'11 maggio 2013 al 15 dicembre 2013 segretario del Partito Democratico, fu anche deputato della XVII Legislatura[1]. Nel 2017 fu uno degli aderenti ad Articolo Uno[2]. Ricandidato per la XVIII legislatura alla Camera dei Deputati nelle liste di Liberi e Uguali[2]. Dal 23 marzo 2018 alla morte ricoprì un secondo mandato parlamentare.[3]

Biografia

Nacque a Roma, nel 1950, da genitori di origine campana[4]. Nel 1953 si trasferisce a Milano con la famiglia, per poi tornare nella capitale nel quartiere Talenti, dove s'impegna nella sua infanzia nel volontariato per i quartieri di periferia[5]. Nel 1969 consegue la maturità classica al liceo Orazio, dove conobbe anche la sua futura moglie, Maria Giuseppina "Giusi" De Luca.[6][7]

Nel 1973 si laurea in filosofia presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", con una tesi su una delle grandi figure del socialismo italiano: Anna Kuliscioff.[8][5]

È deceduto il 7 giugno 2021, all'età di 71 anni, a seguito di un'embolia polmonare manifestatasi alcuni giorni prima.[8][5]

Carriera sindacale

Dopo la laurea, si iscrisse alla Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL), dove inizia a lavorare come sindacalista[2]. Nel 1974 venne nominato alla direzione dell'Esi, casa editrice della confederazione[2]. Due anni dopo, nel 1976, approda all'ufficio sindacale, dove coordinò le politiche contrattuali delle categorie, e poi passa all'ufficio industria della stessa CGIL.[2]

Nel 1979 inizia la sua carriera da dirigente sindacale, con l’incarico di segretario generale aggiunto della categoria dei lavoratori poligrafici e cartai[2]. Nel 1990 entra quindi nella segreteria confederale, e nel 1993 viene nominato da Bruno Trentin segretario generale aggiunto.[2]

Guglielmo Epifani nel 2009

Dal 1994 al 2002 è stato vicesegretario della CGIL e, a seguito della conclusione del mandato di Sergio Cofferati, assunse l'incarico di segretario generale, il primo socialista a guidare la confederazione dai tempi della sua ricostituzione nel 1944[2]. Il 3 novembre 2010 conclude il suo mandato come segretario generale, dove fu sostituito da Susanna Camusso, prima donna segretaria generale della CGIL.[2]

Dopo la segreteria della CGIL, termina la carriera sindacale, ma non abbandona l'ambiente sindacale, restando presidente dell'associazione Bruno Trentin.[5]

Carriera politica

Militanza ed elezione a deputato

Da socialista, è stato iscritto prima al Partito Socialista Italiano, e in seguito allo scioglimento del PSI, alla Federazione Laburista e ai Democratici di Sinistra[2]. Nel corso degli anni ha declinato più volte offerte di candidatura, dalle amministrative all'europarlamento, fino a quella per la corsa a sindaco di Napoli.[5]

Alle elezioni politiche del 2013 viene candidato dal Partito Democratico alla Camera dei deputati, nella circoscrizione Campania 1 come capolista, venendo eletto deputato della XVII Legislatura[1]. Il 7 maggio 2013 viene eletto presidente della 10ª Commissione permanente Attività Produttive, Commercio e Turismo della Camera dei Deputati, incarico che ricopre per tutta la legislatura fino al 22 marzo 2018, dov'è stato anche promotore dell'indagine conoscitiva per l'Italia sull'Industria 4.0.[2][9]

Segretario

L'11 maggio 2013, a seguito alle dimissioni di Pier Luigi Bersani, Epifani venne scelto, per la sua propensione alla mediazione e riavvicinare, dall'Assemblea Nazionale del Partito Democratico come segretario reggente del PD con 458 voti, pari all'85,8% dei voti validi, su 534[5][10]. Da segretario reggente del PD, si è occupato dell'obiettivo di portare il PD verso il congresso delle primarie PD dell'8 dicembre 2013, che terminò il mandato il 15 dicembre seguente, venendo sostituito da Matteo Renzi, eletto alle primarie come segretario nazionale dello stesso partito.[5]

Addio al PD e rielezione con LeU

Il 25 febbraio 2017 Epifani è stato tra gli scissionisti della cosiddetta "minoranza Dem" del Partito Democratico, in forte polemica con la linea politica liberale e centrista adottata dal suo successore Renzi[8], scegliendo di aderire alla compagine di Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista[11][2]. Alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 è stato capolista alla Camera dei Deputati con Liberi e Uguali nei collegi plurinominali della circoscrizione Sicilia 2[2]. Rieletto a Montecitorio nella XVIII legislatura, era anche componente della 11ª commissione Lavoro pubblico e privato e della commissione parlamentare d'inchiesta sul sistema bancario e finanziario.[3]

Controversie

Nell'ottobre 2013 fu protagonista di una controversia a seguito di un'intervista de Le Iene che muoveva intorno ad un articolo apparso su Libero che prendeva spunto da una lettera di Gianni Rinaldini, segretario della FIOM, che riferiva di un aumento del suo stipendio come segretario della CGIL del 18% avvenuto nel 2004[12]. Epifani affermò che a decidere di aumentare lo stipendio del segretario da 4.399 euro a 5.183,69 euro lordi era stata la segreteria, ma ciò contrastava con il regolamento dell'epoca del sindacato, che prevedeva che fosse il direttivo nazionale a decidere della retribuzione del segretario.[13][14][15]

Come deputato fu oggetto di molte critiche da parte del mondo sindacale e della stampa durante il governo Renzi in quanto, in aperto contrasto con le battaglie da lui condotte da sindacalista in difesa dell'articolo 18 dello statuto dei lavoratori, votò in Parlamento a favore della riforma del lavoro passata nota come Jobs Act.[16]

Pubblicazioni

  • Il sindacato nella resistenza, Roma, Editrice sindacale italiana, 1975.
  • Il valore sociale del lavoro. L'identità dei democratici di sinistra, con Sergio Cofferati (a cura di), Roma, Ediesse, 2001.
  • Non rassegnarsi al declino. Politiche industriali per competitività e sviluppo, con Carla Cantone e i segretari di strutture confederali e di categoria della Cgil, Roma, Ediesse, 2005.
  • Cent'anni dopo. Il sindacato dopo il sindacato, con Vittorio Foa, Torino, Einaudi, 2006.

Note

  1. ^ a b Redazione online, Campania, ecco tutti gli eletti alla Camera Entrano Cesaro, Cimmino e Fico, in Corriere del Mezzogiorno. URL consultato il 17 ottobre 2017.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m Biografia di Guglielmo Epifani, su guglielmoepifani.it. URL consultato il 7 giugno 2021.
  3. ^ a b XVIII Legislatura - Deputati e Organi - Scheda deputato - EPIFANI Ettore Guglielmo, su www.camera.it. URL consultato il 7 giugno 2021.
  4. ^ Sacco festeggia per la nomina di Guglielmo Epifani segretario del PD, su infoagropoli.it. URL consultato il 13 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2015).
  5. ^ a b c d e f g E’ morto Guglielmo Epifani, storico sindacalista e politico italiano, in La Stampa, 7 giugno 2021. URL consultato il 7 giugno 2021.
  6. ^ Fausta Chiesa, Guglielmo Epifani, il sindacalista «mite» morto a 71 anni: fu il primo segretario socialista della Cgil, su Corriere della Sera, 7 giugno 2021. URL consultato il 7 giugno 2021.
  7. ^ Guglielmo Epifani, su theitaliantimes.it, 23 aprile 2018. URL consultato il 7 giugno 2021.
  8. ^ a b c È morto Guglielmo Epifani, guidò la Cgil e il Pd, in il giornale.it, 7 giugno 2021. URL consultato il 7 giugno 2021.
  9. ^ Presidente X commissione, dal sito della Camera dei Deputati, su camera.it. URL consultato il 12 maggio 2013.
  10. ^ Epifani eletto, è il nuovo segretario Pd, Corriere della Sera, 11 maggio 2013. URL consultato l'11 maggio 2013.
  11. ^ Nasce Articolo 1- Movimento democratici progressisti. Speranza: "Lavoro e giovani prima di tutto", in Repubblica.it, 25 febbraio 2017. URL consultato il 17 ottobre 2017.
  12. ^ Filmato audio Filippo Roma, ROMA: Lo stipendio di Epifani, in Le Iene, Mediaset.
  13. ^ Le Iene e lo stipendio di Guglielmo Epifani: intervista integrale (video), in Blitzquotidiano.it, 16 ottobre 2013.
  14. ^ Epifani colleziona stipendi: ecco la sinistra dei poveri, in Libero, 9 agosto 2013.
  15. ^ Libero: “Guglielmo Epifani colleziona stipendi. E tutto a spese nostre… “, Blitzquotidiano.it, 9 agosto 2013.
  16. ^ Da Epifani a Damiano, gli ex sindacalisti hanno detto sì al Jobs Act, su espresso.repubblica.it, 26 novembre 2014. URL consultato il 2 agosto 2016.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Segretario del Partito Democratico Successore Partito Democratico Italy.svg
Pier Luigi Bersani 11 maggio 2013 - 15 dicembre 2013 Matteo Renzi
Predecessore Segretario generale della CGIL Successore CGIL.svg
Sergio Cofferati 12 settembre 2002 - 3 novembre 2010 Susanna Camusso
Controllo di autoritàVIAF (EN2764572 · ISNI (EN0000 0001 0863 6343 · SBN IT\ICCU\IEIV\056657 · LCCN (ENno2004098968 · BNF (FRcb15100903j (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2004098968

Informazione

L'articolo Guglielmo Epifani in Wikipedia italiana ha preso i seguenti posti nella classifica di popolarità locale:

Il contenuto presentato dell'articolo di Wikipedia è stato estratto 2021-06-11 sulla base di https://it.wikipedia.org/?curid=305299