Franca Leosini

Franca Leosini a Perugia nel 2016.

Franca Lando, coniugata Leosini (Napoli, 16 marzo 1934), è una giornalista e conduttrice televisiva italiana[1].

Biografia

Giornalista pubblicista, iscritta all'albo della Campania in data 11 luglio 1974. Dopo la laurea in Lettere Moderne, comincia a lavorare per la sezione culturale de l'Espresso, dove firma varie interviste e inchieste[2]: la più famosa e controversa è quella del 27 gennaio 1974, intitolata Le zie di Sicilia, nella quale Leonardo Sciascia denunciava presunte responsabilità delle donne nella cultura mafiosa[3][4][5]. Diventa direttrice del mensile Cosmopolitan e successivamente cura la "terza pagina" de Il Tempo[2]. Collabora con la RAI dal 1988, cioè da quando diviene autrice di Telefono giallo, condotto da Corrado Augias. In seguito conduce i programmi Parte Civile e I grandi processi (quest'ultimo con Sandro Curzi).7

Dal 1994 conduce il programma Storie maledette, di cui è anche autrice; la trasmissione si occupa di intervistare i protagonisti delle inchieste giudiziarie italiane che hanno fatto più scalpore. Dal 2004 al 2008, oltre a Storie maledette, ha condotto Ombre sul giallo, un programma più complesso che, con servizi, interviste e ospiti in studio, ha come tema ricorrente il dubbio riguardo alla colpevolezza degli indiziati e il modo in cui sono state condotte le indagini.

Nel 2017 ha preso parte, nel ruolo di sé stessa, nel film Come un gatto in tangenziale e nel 2018 è stata ospite alla LXVIII edizione del Festival di Sanremo.

Vita privata

Sposata con Massimo Leosini, ha due figlie.[6]

Premi e riconoscimenti

  • 1996 - Giornalista dell'anno nell'ambito Donne per il giornalismo
  • 2001 - Premio Pericle d'oro per il giornalismo
  • 2002 - Premio Flaiano, nella sezione Programma culturale per Storie maledette
  • 2002 - Premio Festival della Televisione Italiana
  • 2002 - Premio Lodoletta Pini sezione Giornalismo Marcella De Palma
  • 2002 - Premio Auronzo di Cadore
  • 2002 - Premio Saraceno d'oro per il giornalismo
  • 2003 - Premio Guglia di Napoli
  • 2004 - Premio Nazionale di Cultura nel Giornalismo "La penna d'oro"
  • 2005 - Premio Festival della Televisione Italiana
  • 2006 - Premio Festival della Televisione Italiana per Ombre sul giallo
  • 2007 - Premio Donna dell'anno sezione Giornalismo
  • 2008 - Premio Festival della Radio Televisione Italiana - Riconoscimento alla qualità nei media
  • 2010 - Premio PulciNellaMente 2010

Note

  1. ^ Annuario giornalisti italiani 2013 (PDF), Ordine Nazionale dei Giornalisti – XV edizione. URL consultato il 5 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2014).
    «Lando Franca (pag. 996)».
  2. ^ a b I personaggi di Rai Tre: Franca Leosini, su raitre.rai.it. URL consultato il 18 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2009).
  3. ^ Giusy Cascio, «Storie maledette», torna Franca Leosini: noi fan non vedevamo l'ora, su TV Sorrisi e Canzoni, 14 dicembre 2018. URL consultato il 5 febbraio 2020 (archiviato il 6 agosto 2019).
  4. ^ Le opere Interviste - Fondazione Leonardo Sciascia- la vita, su www.fondazioneleonardosciascia.it. URL consultato il 26 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2016).
  5. ^ Le Opere, su www.amicisciascia.it. URL consultato il 26 gennaio 2016 (archiviato il 9 novembre 2016).
  6. ^ Massimo Leosini il marito. Franca: "Per lui ho lasciato un altro", su ilsussidiario.net, 14 giugno 2020. URL consultato l'8 settembre 2020.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Informazione

L'articolo Franca Leosini in Wikipedia italiana ha preso i seguenti posti nella classifica di popolarità locale:

Il contenuto presentato dell'articolo di Wikipedia è stato estratto 2021-03-23 sulla base di https://it.wikipedia.org/?curid=2911811