Sean Connery

Sir Thomas Sean Connery (Edimburgo, 25 agosto 1930Nassau, 31 ottobre 2020) è stato un attore e produttore cinematografico britannico vincitore di un Premio Oscar, tre Golden Globe (compreso l'Henrietta Award e quello alla carriera) e due Premi BAFTA.

Signature of Sean Connery.svg

Raggiunse la celebrità negli anni sessanta grazie al personaggio di James Bond[1] del quale è stato il primo interprete cinematografico; la sua incarnazione dell'Agente 007 nell'omonima saga è riconosciuta dalla quasi unanimità della critica e del pubblico come la migliore in assoluto, diventando il simbolo del personaggio nato dalla penna di Ian Fleming. In questo periodo lavorò anche con registi del calibro di Alfred Hitchcock in Marnie (1964) e Sidney Lumet in La collina del disonore (1965).

In seguito prese parte a celebri film tra cui Highlander - L'ultimo immortale (1986), Il nome della rosa (1986), per il quale vinse il BAFTA al miglior attore protagonista, Indiana Jones e l'ultima crociata (1989) e Caccia a Ottobre Rosso (1990). Interpretò personaggi più complessi in pellicole drammatiche come Scoprendo Forrester (2000). È noto anche per l'interpretazione dell'incorruttibile poliziotto irlandese Jimmy Malone in The Untouchables - Gli intoccabili (1987), per il quale vinse l'Oscar al miglior attore non protagonista e un Golden Globe per il miglior attore non protagonista.

Si ritirò dalle scene nel 2003, dopo aver interpretato Allan Quatermain in La leggenda degli uomini straordinari.

Biografia

Le origini

Nacque a Fountainbridge, un sobborgo di Edimburgo, il 25 agosto 1930 da Joseph Connery, un contadino e camionista scozzese figlio di immigrati irlandesi, e da Euphemia "Effie" McBain, una cameriera scozzese[2][3]. Aveva un fratello minore, Neil, anch'egli attore. All'età di undici anni iniziò a prendere lezioni di danza; a sedici decise di lasciare la scuola e di arruolarsi nella Marina Militare Britannica. A questo periodo risalgono due particolari tatuaggi che si fece apporre sul braccio destro: "Scotland Forever" ("Scozia per sempre") e "Mom & Dad" ("Mamma & Papà"). La sua esperienza nella Royal Navy si interruppe nel 1950, quando non superò le visite mediche per una grave ulcera gastrica e fu congedato.

Gli inizi

Sean Connery in Marnie (1964) di Alfred Hitchcock

Connery esercitò allora svariati mestieri, tra cui il bagnino, il muratore, il lavapiatti, il verniciatore di bare, la guardia del corpo e infine il modello. All'età di diciannove anni posò nudo per l'Edinburgh Art College, e iniziò a manifestare quella che inizialmente sembrò una sfortuna, la precoce calvizie, caratteristica che in seguito contribuì ad aumentare il suo fascino maturo.

All'inizio degli anni cinquanta Connery iniziò a farsi conoscere sulle scene inglesi: dopo diverse piccole parti in ambito teatrale, nel 1951 prese parte al musical South Pacific, in scena a Londra. Grazie al fisico slanciato e atletico, all'alta statura (1,89 metri) e allo sguardo ammaliante, il giovane Sean partecipò inoltre al concorso di Mister Universo (1953), in rappresentanza della Scozia, classificandosi al terzo posto. Fu il trampolino di lancio per il suo definitivo ingresso nel mondo dello spettacolo, e iniziò con piccole parti in produzioni televisive e in pellicole cinematografiche che gli procurarono una discreta notorietà; tra queste ultime si segnalano Il bandito dell'Epiro (1957) di Terence Young, Estasi d'amore - Operazione Love (1958) di Lewis Allen, con protagonista Lana Turner, e Darby O'Gill e il re dei folletti (1959) di Robert Stevenson, prodotto da Walt Disney.

Il grande successo con James Bond

La decisiva svolta professionale giunse per Connery nel 1962, quando fu scelto da Albert Broccoli e Harry Saltzman per interpretare James Bond, nome in codice 007, l'agente segreto britannico protagonista dei romanzi di Ian Fleming, ruolo che ricoprì in sette pellicole (compresa una fuori serie). Per esigenze dei produttori, Connery fu costretto a indossare un toupet, a causa della calvizie e del fatto che un capo scoperto avrebbe certamente nuociuto al fascino del personaggio di Bond; l'attore ne farà tuttavia uso anche in interpretazioni successive come in Marnie (1964).

Sean Connery sul set di Agente 007 - Una cascata di diamanti (1971)

Nuovamente diretto da Terence Young, dopo una prima collaborazione nel 1957, Connery si dimostrò perfetto per quel ruolo, sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista caratteriale: astuto, elegante, freddo, seducente, in breve divenne uno dei più celebri sex symbol del pianeta. Curiosamente, qualche tempo prima aveva partecipato ad un concorso, indetto dal giornale London Express, indetto per scegliere il futuro James Bond cinematografico, ma si era classificato solo al 3º posto[4]. Recitò inoltre accanto a famose donne che più tardi divennero star del cinema tra le quali Ursula Andress e Daniela Bianchi. Il primo film Agente 007 - Licenza di uccidere ottenne un successo strepitoso e convinse Connery a vestire ancora i panni di 007 per altre quattro pellicole A 007, dalla Russia con amore (1963), Agente 007 - Missione Goldfinger (1964), Agente 007 - Thunderball (Operazione tuono) (1965) e Agente 007 - Si vive solo due volte (1967): tutti ebbero straordinario successo sia di incassi che di critica.

Interpretò il ruolo di 007 fino al 1967, quando durante le riprese del quinto film Agente 007 - Si vive solo due volte di Lewis Gilbert, Connery decise di abbandonare il personaggio, preoccupato della sua identificazione solo con l'agente segreto. Verrà sostituito da George Lazenby nel successivo film Agente 007 - Al servizio segreto di Sua Maestà (1969) di Peter R. Hunt.

Nel 1971, dopo lunghe e complesse trattative causate dalle insistenze della produzione e dalle recensioni negative del pubblico su Lazenby, Connery riprese il ruolo nel film Agente 007 - Una cascata di diamanti di Guy Hamilton, raggiungendo un accordo con i produttori; dopo il successo della pellicola il suo addio divenne definitivo, passando così il testimone a Roger Moore. Tuttavia nel 1983 tornerà nuovamente sui suoi passi grazie al compenso record per il film Mai dire mai di Irvin Kershner, un remake - fuori dal ciclo ufficiale - di Agente 007 - Thunderball (Operazione tuono), già interpretato da Connery nel 1965.

La carriera dopo 007

Sean Connery all'Open Gate Club a Roma nel 1980

Connery evitò comunque di rimanere intrappolato in un unico ruolo, dimostrando capacità e versatilità in ruoli differenti e impegnativi, con registi prestigiosi come Sidney Lumet, Alfred Hitchcock e John Huston. Il primo di questi ruoli fu in Marnie (1964) di Alfred Hitchcock, dove Connery interpretò la parte di un uomo flemmatico che deve far fronte ai gravi problemi psicologici della donna amata (Tippi Hedren). Nello stesso anno affiancò Gina Lollobrigida nel film La donna di paglia di Basil Dearden, dove vestì i panni dell'ambiguo Anthony Richmond. L'anno dopo recitò in La collina del disonore, diretto da Sidney Lumet, in cui esordì abilmente anche nel genere carcerario, mentre fu protagonista della commedia Una splendida canaglia (1966) di Irvin Kershner, al fianco di Joanne Woodward e Jean Seberg, che però non riscosse il successo sperato. Nel 1968 recitò insieme a Brigitte Bardot nel western Shalako di Edward Dmytryk, ma anche questa pellicola non convinse pienamente la critica.

Sean Connery ai Premi Oscar 1988

Dopo un periodo di pausa, ritornò sul grande schermo nel 1970 con I cospiratori di Martin Ritt, dramma storico-politico in cui recitò accanto a Richard Harris, e con Rapina record a New York di Sidney Lumet, una delle sue migliori interpretazioni[5]. Nel 1972 apparve in due delle migliori pellicole della sua filmografia: Riflessi in uno specchio scuro di Lumet, dove interpretò un violento e sadico commissario di polizia, e soprattutto Zardoz di John Boorman, riconosciuto come uno dei migliori film di fantascienza degli anni settanta[6]. Nel 1974 collaborò ancora con Lumet in Assassinio sull'Orient-Express, dal giallo di Agatha Christie, nel quale vestì i panni del colonnello Arbuthnot. In seguito ad alcune pellicole di minor conto come Ransom - Stato di emergenza per un rapimento (1974) di Caspar Wrede, apparve in L'uomo che volle farsi re (1975) di John Huston, a fianco di Michael Caine, dove interpretò un eccentrico e visionario avventuriero, al contrario del vecchio e vulnerabile eroe in Robin e Marian (1976) di Richard Lester. Dopo il deludente Il prossimo uomo (1976) di Richard C. Sarafian, partecipò al film di guerra Quell'ultimo ponte (1977) di Richard Attenborough, per poi chiudere il decennio con l'avventuroso 1855 - La prima grande rapina al treno (1979) di Michael Crichton e il kolossal Meteor (1979) di Ronald Neame.

Gli anni ottanta iniziarono con il fantascientifico Atmosfera zero (1981) di Peter Hyams, dove interpretò uno sceriffo federale mandato nello spazio per indagare su alcune morti sospette: il film ebbe un discreto successo di incassi, ma la critica lo accolse tiepidamente. Più fortuna ebbe il successivo I banditi del tempo (1981) di Terry Gilliam, ancora una volta nel pieno della fantascienza ma con l'aggiunta di un lato ironico. Nel 1982 fu protagonista del drammatico Cinque giorni una estate di Fred Zinnemann, mentre si trovò a suo agio nella saga epica di Highlander - L'ultimo immortale (1986) di Russell Mulcahy, accanto a Christopher Lambert.

L'Oscar e la definitiva consacrazione

Sean Connery a Cinecittà nel 1985 sul set de Il nome della rosa

Il grande consenso della critica arrivò con l'interpretazione di Guglielmo da Baskerville, il monaco enigmatico ma razionale del film Il nome della rosa (1986) di Jean-Jacques Annaud, tratto dall'omonimo romanzo scritto da Umberto Eco. Il film ottenne un consenso straordinario in tutto il mondo e Connery vinse il Premio BAFTA come miglior attore, dando vita a quella che diverrà una delle più celebri interpretazioni della sua carriera.[senza fonte] Con il film The Untouchables - Gli intoccabili (1987) di Brian De Palma, Connery ottenne la definitiva consacrazione grazie al ruolo di Jimmy Malone, incorruttibile poliziotto e difensore della giustizia, accanto a Kevin Costner, Robert De Niro e Andy García. Per questa interpretazione ottenne un premio Oscar e un Golden Globe nella categoria miglior attore non protagonista. Nel romanzo Operazione Scorpius di John Gardner, il film è proiettato durante un viaggio in aereo e Bond lo rivede volentieri perché vi compare "il suo attore preferito".

Sean Connery nel 1999

Seguirono il thriller Il presidio - Scena di un crimine (1988) di Peter Hyams, mentre nel 1989 regalò altre due interpretazioni: in Sono affari di famiglia, diretto nuovamente da Sidney Lumet, con Dustin Hoffman e Matthew Broderick, fu un affascinante e astuto ladro, mentre in Indiana Jones e l'ultima crociata di Steven Spielberg, con Harrison Ford, interpretò il padre del protagonista. Ne La casa Russia (1990), diretto da Fred Schepisi e tratto dall'omonimo romanzo di John le Carré, interpretò l'anticonformista editore/clarinettista Bartholomew 'Barley' Scott Blair, che viene coinvolto insieme a Michelle Pfeiffer in un'intricata spy-story internazionale ambientata a Mosca. Sempre nel 1990 vestì i panni di Marko Ramius, comandante del sottomarino sovietico Ottobre Rosso in Caccia a Ottobre Rosso diretto da John McTiernan. L'anno dopo, con un cameo di pochi secondi alla fine della pellicola, prese parte al film Robin Hood - Principe dei ladri di Kevin Reynolds, interpretando Riccardo Cuor di Leone. Nel 1994 prese parte al film Il primo cavaliere, con Richard Gere e Julia Ormond, dove interpretò Re Artù, mentre fu un elegante ma micidiale ex agente segreto britannico, ingiustamente imprigionato negli Stati Uniti, nell'avventuroso The Rock (1996) di Michael Bay. Vestì di nuovo i panni di un ladro, complice di Catherine Zeta Jones, in Entrapment (1999) di Jon Amiel.

Nel 2000 co-produsse e interpretò Scoprendo Forrester di Gus Van Sant, nel quale fu un vecchio e introverso scrittore. Fu nominato Sir nel 2002. Nel 2003 fu protagonista e co-produttore esecutivo ne La leggenda degli uomini straordinari di Stephen Norrington, ispirato al fumetto La Lega degli Straordinari Gentlemen e in cui interpretò un anziano Allan Quatermain. A posteriori, lo stesso Connery affermò che la disastrosa esperienza di questo film lo portò a riflettere sullo stato dell'industria cinematografica e lo convinse a ritirarsi dalle scene. L'attore scozzese commentò dicendosi "stufo di avere a che fare con degli idioti"[7].

Il ritiro e gli ultimi anni

Nel 2005 Connery affermò in un'intervista a The New Zealand Herald di volersi ritirare dalla recitazione; nella stessa intervista rivelò di aver rifiutato il ruolo di Gandalf nella trilogia Il Signore degli Anelli perché non l'aveva "mai capito"[8] e di Albus Silente nella saga di Harry Potter[9]. Quello stesso anno tornò un'ultima volta nei panni di James Bond, prestando voce e fattezze al personaggio nel videogioco Dalla Russia con amore, tratto dall'omonimo film[10]. Nel 2012 diede voce al protagonista del film d'animazione Sir Billi, di cui fu anche produttore esecutivo, in quella che fu la sua ultima interpretazione[11].

La morte

Connery è morto il 31 ottobre 2020 all'età di 90 anni, presso la sua residenza di Nassau, nelle isole Bahamas[12]. La morte è stata annunciata dalla sua famiglia e dalla EON Productions, casa produttrice della saga di 007[13]. Il figlio Jason dichiarò che suo padre "non stava bene da un po' di tempo"[14][15][16]. Il giorno successivo, la moglie di Connery, Micheline Roquebrune, rivelò che l'attore ha sofferto di demenza senile nei suoi ultimi anni[17].

Dopo l'annuncio della morte, molti personaggi dell'industria cinematografica gli hanno reso omaggio, tra cui Sam Neill[18], Nicolas Cage, Robert De Niro, Diana Ross, Tippi Hedren[19], Alec Baldwin[20], Hugh Jackman, George Lucas, Shirley Bassey, Kevin Costner, Catherine Zeta Jones, Barbra Streisand, Gerard Butler, Arnold Schwarzenegger[21], John Cleese[21] e gli ex 007 George Lazenby, Timothy Dalton, Pierce Brosnan[22] e Daniel Craig.[23]. L'amico di lunga data Michael Caine, lo ha definito "una grande star, un attore brillante e un amico meraviglioso"[24]. Gli attuali produttori della saga di James Bond Michael G. Wilson e Barbara Broccoli hanno dichiarato: "Ha rivoluzionato il mondo con la sua interpretazione cruda e spiritosa dell'agente segreto sexy e carismatico. È senza dubbio in gran parte responsabile del successo della serie di film e gli saremo per sempre grati."[13][23].

Vita privata

Connery fu sempre molto geloso della propria privacy. Si sposò due volte: nel 1962 con l'attrice australiana Diane Cilento, dalla quale ebbe un figlio, Jason, anch'egli diventato attore, che gli ha dato un nipote, Dashiell (1997). Divorziato nel 1973, due anni dopo si risposò con la pittrice francese Micheline Roquebrune.

Impegno per l'ambiente

Dal 2011 Sean Connery, vegano[25], fece parte dell'Advisory Board dell'organizzazione per la protezione della vita marina Sea Shepherd.[26]. Nel 2014, insieme all'organizzazione Save the Bays, lottò per la preservazione della zona costiera di Clifton Bay alle Bahamas[27]. Diede il proprio supporto finanziario al progetto per la protezione del clima di Al Gore[28].

L'impegno per la Scozia

Sean Connery in kilt a Edimburgo nel 2004

Connery professò sempre il proprio orgoglio di scozzese e l'amore profondo per il proprio paese, soprattutto quando se ne trovava al di fuori. Sostenne con vigore la campagna per l'indipendenza della Scozia in occasione del referendum del 2014[29][30] e diede supporto al Partito Nazionale Scozzese (SNP)[31], sia finanziariamente[32] che attraverso apparizioni pubbliche[33][34]. Celebri sono le sue uscite pubbliche in kilt, il classico indumento scozzese, e il tatuaggio sul braccio destro "Scotland Forever", che tuttavia non permise mai che si notasse nei suoi film.

Filmografia

Attore

Cinema

Televisione

Doppiatore

Radio

Regista

Produttore

Teatro

Discografia

Riconoscimenti

Impronte di Sean Connery al Grauman's Chinese Theatre

Premi cinematografici

  • Tony Award
    • 1998 - Miglior attore per Art (Interpretazione teatrale)
  • European Film Awards
    • 1999 - Premio al miglior attore europeo per Entrapment
    • 2005 - Premio alla carriera
  • Jupiter Award
    • 1986 - Miglior attore internazionale per Il nome della rosa
    • 1989 - Miglior attore internazionale per Indiana Jones e l'ultima crociata
  • Laurel Awards
    • 1964 - Miglior attore debuttante
    • 1965 - Alloro d'oro per interpretazione in film d'azione per Agente 007 - Missione Goldfinger
    • 1966 - Alloro d'oro per interpretazione in film d'azione per Operazione tuono

Riconoscimenti accademici

Onorificenze

Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1999
Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
— luglio 2002
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 1991
Commendatore dell'Ordine delle Arti e della Letteratura (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine delle Arti e della Letteratura (Francia)
— 1987
Grand'Ufficiale dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panama) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panama)
— 11 marzo 2003

Doppiatori italiani

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Sean Connery è stato doppiato da:

  • Pino Locchi in Agente 007 - Licenza di uccidere, A 007, dalla Russia con amore, La donna di paglia, Marnie, Agente 007 - Missione Goldfinger, La collina del disonore, Agente 007 - Thunderball (Operazione tuono), Una splendida canaglia, Agente 007 - Si vive solo due volte, Shalako, Rapina record a New York, Agente 007 - Una cascata di diamanti, Riflessi in uno specchio scuro, Ransom - Stato di emergenza per un rapimento, Assassinio sull'Orient Express, Quell'ultimo ponte, 1855 - La prima grande rapina al treno, Meteor, Atmosfera zero, I banditi del tempo, Mai dire mai, Highlander - L'ultimo immortale, Il nome della rosa, The Untouchables - Gli intoccabili, Il presidio - Scena di un crimine, Indiana Jones e l'ultima crociata, Sono affari di famiglia, Caccia a Ottobre Rosso, La casa Russia, Highlander II - Il ritorno, Mato Grosso, Sol Levante, Alla ricerca dello stregone
  • Giancarlo Maestri ne Il vento e il leone, L'uomo che volle farsi re, Robin e Marian, Il prossimo uomo, Obiettivo mortale
  • Luciano De Ambrosis ne Il primo cavaliere, Scherzi del cuore, Entrapment, Scoprendo Forrester, Robin Hood - Principe dei ladri (ridoppiaggio)
  • Sergio Rossi ne I cospiratori, The Rock
  • Adalberto Maria Merli in Zardoz, La leggenda degli uomini straordinari
  • Riccardo Mantoni ne Il bandito dell'Epiro
  • Romano Malaspina in Estasi d'amore - Operazione Love
  • Massimo Rinaldi in Darby O'Gill e il re dei folletti
  • Renato Turi ne Il terrore corre sul fiume
  • Nino Bonanni ne Il giorno più lungo
  • Carlo D'Angelo in La tenda rossa
  • Bruno Alessandro in Cuba
  • Gianni Musy in Cinque giorni una estate
  • Mario Bombardieri in Robin Hood - Principe dei ladri
  • Osvaldo Ruggieri ne La giusta causa
  • Glauco Onorato in The Avengers - Agenti speciali

Da doppiatore è sostituito da:

Note

  1. ^ Profile: Sean Connery, BBC News, 12 marzo 2006. URL consultato il 19 marzo 2007.
  2. ^ Sean Connery Biography, filmreference.com. URL consultato il 29 settembre 2007.
  3. ^ Case Study 1-Sean Connery-James Bond, su familyrelatives.com. URL consultato il 6 agosto 2012.
  4. ^ (EN) Sean Connery pre-James Bond at the 1953 Mr Universe competition in London, su dailymail.co.uk. URL consultato il 9 maggio 2020.
  5. ^ Soares, Emily "The Anderson Tapes" on TCM.com
  6. ^ Paolo Mereghetti (a cura di), Dizionario dei Film 1998, Baldini & Castoldi, 1998, ISBN 978-88-8089-195-6.
  7. ^ What Went Wrong: The League of Extraordinary Gentlemen, su www.boxofficeprophets.com. URL consultato il 18 settembre 2020.
  8. ^ (EN) Connery 'turning back on movies', in BBC News, 1º agosto 2005. URL consultato l'8 settembre 2019.
  9. ^ Cinema: addio Sean Connery, mitico 007 James Bond, in Rai News, 31 ottobre 2020. URL consultato il 4 novembre 2020.
  10. ^ Sid Lipsey, Review: Connery brings Bond back to the U.S.S.R., CNN, 10 novembre 2005. URL consultato il 6 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  11. ^ Alan Carson, Sir Sean makes film comeback as a retired vet, in The Scotsman, Edinburgh, 12 aprile 2010. URL consultato il 7 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2010).
  12. ^ Addio a Sean Connery, aveva 90 anni, su ansa.it, 31 ottobre 2020.
  13. ^ a b (EN) James Bond actor Sir Sean Connery dies aged 90, su BBC News, 31 ottobre 2020.
  14. ^ (EN) Obituary: Sir Sean Connery, in BBC News, 31 ottobre 2020. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  15. ^ Obituary: Sir Sean Connery, in The Times, 31 ottobre 2020. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  16. ^ Richard Natale e Manori Ravindran, Sean Connery, Oscar Winner and James Bond Star, Dies at 90, in Variety, 31 ottobre 2020. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  17. ^ Sean Connery widow reveals he had suffered from dementia, in France 24, 1º novembre 2020.
  18. ^ @TwoPaddocks, Every day on set with #SeanConnery was an object lesson in how to act on screen. But all that charisma and power – that was utterly unique to Sean. RIP that great man, that great actor (Tweet), su Twitter, 31 October 2020.
  19. ^ (EN) William Earl, Hollywood Mourns Sean Connery: 'He Revolutionized the World', su Variety, 31 ottobre 2020. URL consultato il 1º novembre 2020.
  20. ^ Alec Baldwin Pays Tribute To ‘The Hunt For Red October’ Co-Star Sean Connery: “You Made Life Better”, Yahoo Sports. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  21. ^ a b Sean Connery Dead at 90: Arnold Schwarzenegger, Catherine Zeta-Jones and More Celebs Honor Actor, ET. URL consultato il 1º novembre 2020.
  22. ^ Sean Connery Has Died. Friends, Fans, and the Other James Bonds Are Saluting Him on Social Media., in Slate. URL consultato il 1º novembre 2020.
  23. ^ a b Sharareh Drury e Trilby Beresford, Daniel Craig, Pierce Brosnan, Sam Neill, George Lucas and More of Hollywood Pay Tribute to Sean Connery | Hollywood Reporter, su The Hollywood Reporter, 31 ottobre 2020. URL consultato il 1º novembre 2020.
  24. ^ Sir Michael Caine remembers 'great star, wonderful friend' Sir Sean Connery, in Herald Scotland. URL consultato il 1º novembre 2020.
  25. ^ Jade Wright, Why I’m a vegan, su liverpoolecho, 1º novembre 2007. URL consultato il 3 giugno 2020.
  26. ^ (DE) Sea Shepherd heißt den James Bond 007 Star Sean Connery, die Weltklasse-Surferin Stephanie Gilmore und den vielfach ausgezeichneten Fernsehproduzenten Sam Simon als Mitglieder des internationalen Beraterstabs willkommen, su sea-shepherd.de. URL consultato il 3 giugno 2020.
  27. ^ (EN) owbewcirk, Sir Sean Connery lends his voice to Save The Bays | IEyeNews, su ieyenews.com. URL consultato il 3 giugno 2020.
  28. ^ (DE) Sean Connery wirbt für Louis Vuitton - derStandard.at, su DER STANDARD. URL consultato il 3 giugno 2020.
  29. ^ https://www.independent.co.uk/news/uk/politics/scottish-independence-sean-connery-backs-yes-vote-and-says-its-an-opportunity-not-to-be-missed-9163489.html
  30. ^ https://www.dailymail.co.uk/news/article-2571452/Now-former-Bond-star-Connery-urges-Scots-break-away-Britain-independence-referendum.html
  31. ^ http://www.seanconnery.com/biography/knighthood/
  32. ^ http://news.bbc.co.uk/2/hi/uk_news/scotland/2834671.stm
  33. ^ https://www.theguardian.com/uk/1999/apr/27/gerardseenan
  34. ^ https://www.youtube.com/watch?v=k6cc6QobxEo
  35. ^ a b Anche voce narrante.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN105140510 · ISNI (EN0000 0001 2146 2966 · SBN IT\ICCU\RAVV\088479 · LCCN (ENn82087654 · GND (DE11867675X · BNF (FRcb12064708b (data) · BNE (ESXX1059081 (data) · NDL (ENJA00620520 · WorldCat Identities (ENlccn-n82087654

Informazione

L'articolo Sean Connery in Wikipedia italiana ha preso i seguenti posti nella classifica di popolarità locale:

Il contenuto presentato dell'articolo di Wikipedia è stato estratto 2020-11-14 sulla base di https://it.wikipedia.org/?curid=17552